Concorso ATA ex LSU, prossima l’indizione della seconda procedura di assunzione

Stampa

E’ ormai prossima l’indizione della seconda procedura assunzionale della restante platea dei collaborarti scolastici ex LSU. Lo comunica il deputato Alessandro Fusacchia (Misto) attraverso i social.

“In queste settimane in tanti mi hanno chiesto chiarimenti e aggiornamenti relativi all’internalizzazione dei collaboratori scolastici ex LSU, in particolare per quello che riguarda l’ultimo bando, che aspetta da troppo tempo di essere pubblicato!
È una questione che seguo da anni, e per alcuni aspetti ancora in sospeso”, scrive l’onorevole.

“Poco fa in Commissione Cultura alla Camera il collega Stefano Fassina ha rivolto un quesito al Ministero, che ha dato la risposta che trovate nelle foto, chiarendo che l’indizione della procedura selettiva è prossima, essendo pervenuti i pareri degli altri ministeri coinvolti”, conclude.

Ricordiamo i requisiti richiesti:

  • essere in possesso del diploma di scuola secondaria di I grado;
  • aver svolto per almeno 5 anni, anche non continuativi, servizi di pulizia e ausiliari presso le istituzioni scolastiche ed educative statali, in qualità di dipendente a tempo determinato o indeterminato di imprese titolari di contratti per lo svolgimento di tali servizi. Nel requisito dei 5 anni devono essere inclusi gli anni 2018 e 2019.

ATA ex Lsu, seconda fase assunzioni. Bozza decreto: 1592 posti, ecco suddivisione per provincia

“Per i 1.593 lavoratrici e lavoratori ex Lsu e appalti storici per lo svolgimento di servizi di pulizia e ausiliari nella scuola oggi può essere una giornata di svolta”.

Così il deputato di LeU Stefano Fassina commentando la risposta del sottosegretario Sasso all’interrogazione di LeU

“Il sottosegretario Sasso, in risposta ad una mia interrogazione, ha affermato che è il Ministero dell’Istruzione ha avuto “il concerto” del Ministero delle Finanze e del Ministero del Lavoro sul Decreto interministeriale previsto dalla legge e che è “imminente” l’indizione della procedura selettiva per l’assunzione di posti di collaboratore scolastico nella scuola statale. Ho sottolineato al Governo che l’internalizzazione dei diretti interessati sarebbe dovuta avvenire il 1 gennaio scorso e che ogni giorno di ritardo è un dramma per chi è senza reddito già da troppo tempo”, aggiunge.

“Anche a causa del cambio di Governo, le procedure necessarie ad attivare il processo di internalizzazione di questi lavoratori, prosegue Fassina, non sono state espletate. Facciamo pieno affidamento sulle parole del Sottosegretario ma verificheremo che “imminente” significhi proprio nei prossimi giorni. E soprattutto, conclude Fassina, in una fase così difficile per la salvaguardia della salute nelle scuole, continueremo il nostro impegno per un assetto organizzativo stabile e certo per il prossimo anno scolastico, fondato innanzitutto sulla stabilità e la dignità del lavoro”, conclude.

Stampa
Pubblicato in ATA

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur