Concorso abilitati: partecipano docenti con titolo conseguito in Romania

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Con due distinte pronunce pubblicate in data 30 luglio 2018 il Consiglio di Stato ha riconosciuto che il certificato “Adeverinta” in possesso dei ricorrenti patrocinati dallo Studio Legale Naso & Partners deve essere riconosciuto dal MIUR come abilitante e li ha ammessi a partecipare al concorso riservato 2018.

In particolare, diversi laureati che avevano intrapreso (e concluso) il percorso di abilitazione in Romania rischiavano seriamente di essere esclusi dal concorso scuola per docenti abilitati.

Molti dei ricorrenti avevano già presentato al MIUR la domanda per il riconoscimento delle qualifiche professionali ma avevano ricevuto molteplici richieste dall’Amministrazione: prima la richiesta di integrazione di produrre il certificato di abilitazione “ai sensi della Direttiva comunitaria” e, a distanza di breve tempo, il decreto di rigetto dell’istanza inviato dal MIUR.

Sul punto si era già espresso recentemente il TAR LAZIO che, a seguito di chiarimenti richiesti al MIUR, aveva inizialmente rigettato le richieste cautelari avanzate ricorrenti patrocinati.

Tuttavia lo Studio Legale Naso & Parners ha impugnato la predetta Ordinanza al Consiglio di Stato che, con decreto emesso dal Presidente del Consiglio di Stato, ha ammesso i ricorrenti a partecipare al concorso riservato.

Per l’avvocato Naso e l’Avv. Lancia che hanno seguito il ricorso si tratta di un primo passo per il definitivo superamento del blocco creato dal MIUR sul riconoscimento delle abilitazione conseguite all’estero. Difatti questa decisione si inserisce nel solco già tracciato dal Consiglio di Stato con riferimento alla decisione favorevole per gli abilitati in Spagna.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione