Concorso abilitati: docenti convocati prova orale durante Esami di Stato. Permessi e soluzioni, nessuno slittamento

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Alcuni docenti, in procinto di essere chiamati a sostenere la prova orale per il concorso riservato agli abilitati, temono che l’adempimento possa coincidere con lo svolgimento degli Esami di Stato, sia per la secondaria di I grado che di II. In realtà, nonostante il problema esiste, è possibile trovare una soluzione.

L’esperienza dei concorsi 2012 e 2016 costituiscono un importante precedente: nessun docente sarà obbligato a lasciare l’incarico ricevuto, invece tutta la commissione opererà in modo da consentire ai candidati di svolgere entrambe le attività.

I docenti infatti ricevono le mail di convocazione per lo svolgimento della prova orale venti giorni prima rispetto alla data prefissata, pertanto c’è il tempo sufficiente per organizzare i calendari. Alcuni docenti in Lombardia (unica regione ad avere già svolti i sorteggi delle lettere per alcune classi di concorso e ad avere stilato i calendari) sanno già che la loro prova coinciderà con lo svolgimento degli Esami.

Le commissione quindi conoscono in anticipo l’impegno importante dal punto di vista professionale per alcuni dei docenti commissari e stileranno un calendario che tenga conto di tali impegni.

Per normativa inoltre il docente impegnato negli Esami di Stato della scuola secondaria di II grado può fruire di un giorno di permesso durante le prove orali degli studenti.

Pertanto, attraverso una opportuna sistemazione del calendario e naturalmente la collaborazione da parte di tutta la commissione, è possibile superare il problema.

Il docente che fruisce del permesso deve produrre un’adeguata documentazione idonea a giustificare la richiesta e la fruizione del permesso.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione