Concorso A23 (Lingua italiana per discenti di lingua straniera), Anief: Miur dimentica istituire posti in organico diritto, vincitori senza cattedre

di redazione

Anief – Scoppia la “grana” sulla nuova classe di concorso A023: “Lingua italiana per discenti di lingua straniera” (alloglotti). La sua istituzione è stata introdotta dal Miur per soddisfare precise finalità di insegnamento di Italiano L2: gli oltre 500 posti messi a bando per il concorso a cattedre del 2016 (su 63.712 posti complessivi) hanno decretato dei vincitori che, però, non potranno essere assunti.

Trattandosi, infatti, di una materia nuova, gli ufficiperiferici del Miur hanno dimenticato di inserire l’insegnamento nell’organico di diritto: ne consegue che i vincitori del concorso rimarranno quasi tutti in stand by, almeno un anno e rischieranno pure di perdere la stabilizzazione (qualora la mancanza didisponibilità dovesse perdurare per un altro biennio) vanificando in tal modo la partecipazione e l’allestimento della propria selezione concorsuale.

Si è occupato stamane del caso il quotidiano la Gazzetta di Modena. L’Emilia Romagna, infatti, rappresenta una regione a forte richiesta di tale genere diinsegnanti rivolti ai cosiddetti “alloglotti”: per soddisfare precise finalità di insegnamento di Italiano L2 nella scuola secondaria di I e II grado, oltreche nei percorsi di istruzione per gli adulti, nonché per l’attivazione di laboratori di Italiano L2 nella scuola dell’infanzia e primaria, sono presenti nellaRegione oltre il 15 per cento di studenti con cittadinanza non italiana (contro una media nazionale del 9,2 per cento). Si tratta, pertanto, “di un bisognoreale”, ha scritto il quotidiano, che si è andato a scontrare con “la mancata istituzione delle cattedre”.

Il problema non è solo dell’Emilia Romagna perché, scorrendo il Focus ministeriale d’inizio anno scolastico sui “principali dati della scuola statale”, il numero previsionale di alunni stranieri quest’anno ha raggiunto quota 736mila, con un incrementodell’8-9 per cento sul numero totale degli studenti ufficialmente iscritti nelle scuole pubbliche. Non si comprende, pertanto, come sia potuto accadere chea livello nazionale, su 506 posti banditi della classe di concorso A023, appena 22 siano stati assegnati ai candidati del concorso risultati idonei aricoprirli: quindi, meno del 5 per cento.

L’unico motivo plausibile di questo ennesimo bug del Ministero è che alcune delle nuove classi di concorso, tra cui la A023, dopo laloro istituzione con il D.P.R. n. 19 del 14 febbraio 2016, non abbiano trovato posto nell’organico di diritto, con tutte le conseguenze che ne derivano, sia per l’individuazione del personale che per le immissioni in ruolo. Bastadire che, nel frattempo, le scuole hanno chiesto dei posti su potenziamento e l’amministrazione centrale ha fatto svolgere su questi nuovi insegnamenti pure il concorso acattedra del 2016.

La vera beffa, però, è un’altra: la classe di concorso A023 risulta infatti presente, sebbene non ve ne fosse motivo, nel decreto interministeriale sugli organici del triennio 2016-2019, all’articolo 4, è presente un’annotazione che ha del beffardo: “Ciascun Ufficio Scolastico regionale provvederàinoltre, nei limiti del contingente assegnato, all’individuazione dei posti di italiano L2 in misura di 2 per ogni CPIA attivo nella regione, operandoall’interno dei posti che si renderanno vacanti al termine delle operazioni di mobilità per l’a.s. 2016/17. Ove questo non dovesse essere possibile, siprovvederà ad istituire detti posti in via provvisoria utilizzando l’adeguamento annuale dell’organico e provvedendo poi al ripristino deimedesimi nell’organico di potenziamento dell’anno successivo, senza determinare aumenti del contingente regionale”. Ora, non si comprende come una nuovaclasse di concorso possa rientrare nella mobilità, visto che lo scorso anno non era esistente.

“Viene da chiedersi – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – come mai sia potuto accadere tutto questo, con l’amministrazione centrale che determina delle normee altri uffici dello stesso dicastero che agiscono in senso contrario. Crediamo che sia giunto il momento di finirla con questo genere di situazioniincomprensibili”.

Intanto, grazie all’operato dell’Anief, qualcosa si muove in tribunale: il Consiglio di Stato, in sede cautelare, ha chiesto al Miur chiarimenti sull’esclusione dei docenti laureati dalla possibilità di partecipare al Concorso a cattedra 2016per tutte le nuove classi di concorso per cui non sono stati mai attivati i Tirocini Formativi Attivi. “Per questi docenti, in possesso di titoli diaccesso utili all’insegnamento per queste classi di concorso di nuova istituzione – dice Pacifico – abbiamo chiesto che il Consiglio di Statoconcedesse tutela cautelare e, se ci darà ragione, otterremo per centinaia di ricorrenti, perlopiù docenti precari da molti anni, l’accesso al Concorso 2016anche tramite l’attivazione di prove suppletive. Adesso è il Miur a doversi ‘giustificare’ e a spiegare in tribunale come sia possibile escludere ilaureati dalla partecipazione a un concorso per cui nessuno poteva possedere specifica abilitazione per classi di concorso istituite solo poco prima delbando”.

28 settembre 2016

Ufficio Stampa Anief

www.anief.org

Versione stampabile
soloformazione