Concorso a cattedra, precari condannati a 10mila euro di spese legali. Tar: “Legittima eliminazione preliminare con prova scritta computer based”

WhatsApp
Telegram

Il Tar del Lazio ha respinto il ricorso, promosso da alcuni precari, in merito alla selezione concorsuale per la scuola secondaria di primo e secondo grado. Secondo i giudici il Ministero dell’Istruzione aveva tutto il diritto di modificare le prove per lo svolgimento del concorso.

In una class action che contava circa 400 aspiranti, è stato messo in dubbio il cambio di prove che vedeva sostituire la preselettiva con una prova scritta computer based, riducendo, di fatto, da 3 a 2 le prove concorsuali, specie nella parte in cui la modifica ha previsto la non ammissione agli esami orali se non superato il punteggio di 70/100, nonché l’esclusione dal concorso di un numero di candidati almeno pari a 7 volte il numero dei posti messi a disposizione.

Oltre alla sconfitta anche la beffa, infatti i ricorrenti sono stati condannati a 10mila euro di spese legali.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VIII ciclo 2023, diventa docente di sostegno: corso di preparazione, con simulatore per la preselettiva. 100 euro, a richiesta proroga di una settimana