Concorso a cattedra, possono partecipare al concorso diplomati indirizzo linguistico. Sentenza ANIEF

di redazione
ipsef

L’Avvocato Sergio Galleano ottiene per l’Anief nuova conferma sulla possibilità di partecipazione al concorso 2016 dei docenti in possesso  di diploma magistrale a indirizzo sperimentale linguistico conseguito entro il 2001/2002 con un’Ordinanza che richiama i precedenti favorevoli già ottenuto dal nostro sindacato e conferma il loro pieno diritto alla partecipazione con riserva alle procedure concorsuali.

“L’esclusione dal concorso dei diplomati magistrale a indirizzo linguistico, così come quella degli specializzandi sul sostegno, dei docenti ISEF, degli ITP impossibilitati ad abilitarsi e dei docenti di ruolo – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – era palesemente illegittima; il Tribunale ci ha dato nuovamente ragione confermando le nostre tesi e condannando il Ministero dell’Istruzione a pagarne anche le spese. Siamo soddisfatti di aver ottenuto, ancora una volta, il rispetto della professionalità di quanti, da anni, sono impegnati nella scuola come precari e che avevano pieno diritto a poter partecipare al concorso per accedere alle immissioni in ruolo”.

Il Ministero dell’Istruzione, infatti, nel corso degli ultimi mesi ha subito pesanti sconfitte in tribunale anche riguardo l’organizzazione del concorso a cattedra; il nostro sindacato, forte dei tanti successi, ricorda che il MIUR deve ancora fissare la calendarizzazione delle prove suppletive per i docenti destinatari di ordinanze cautelari che non hanno potuto materialmente partecipare al concorso e che è necessario mobilitarsi affinché le Amministrazioni facciano il loro dovere nel rispetto degli ordini giudiziali. “In questo momento di completa incertezza per tutti i lavoratori della scuola – conclude Pacifico – è necessario far sentire la propria voce anche fuori dalle aule dei tribunali, per questo l’Anief ha organizzato uno sciopero e una manifestazione a Roma rivolto a tutto il personale della scuola. Bisogna agire adesso e rivendicare a gran voce il rispetto dei propri diritti”.  Il prossimo 14 novembre, infatti, la manifestazione organizzata a Roma dalle 8:00 alle 13:00 in piazza Monte Citorio, intende mobilitare per l’intera giornata tutto il personale scolastico, precario o di ruolo, docenti e ATA per dire un secco NO a una legge di bilancio approvata dal Consiglio dei Ministri che ha confermato la mancanza di volontà da parte del Governo di rimediare agli innumerevoli errori contenuti nella Legge 107/2015 e per rivendicare, nuovamente, il pieno rispetto dei diritti dei professionisti dell’istruzione.

Versione stampabile
soloformazione