Concorso a cattedra, i commissari guadagnano meno di un euro a candidato

di redazione
ipsef

item-thumbnail

I commissari del concorso a cattedra guadagnano un euro lordo a candidato esaminato: lo racconta Il Gazzettino.

Per chi invece appartiene ad una sottocommissione, il compenso è dimezzato.

Franco Trevisan, presidente delle commissioni venete per il concorso ha dichiarato di non aver percepito ancora il compenso: “Non sappiamo ancora quanto prenderemo perché non abbiamo ancora visto un quattrino ma sinceramente è un lavoro che non facciamo per arricchirci”, ha dichiarato.
“Il concorso è stato talmente lungo – ha continuato – che siamo riusciti a festeggiare la nascita di Sara, una bellissima bimba che un nostro commissario aveva annunciato all’insediamento della commissione e che è nata lo scorso 4 marzo”.

I lavori del concorso non sono ancora conclusi: per molte materie le commissioni stanno valutando i titoli per stilare le graduatorie, mentre per le scuole dell’infanzia mancano ancora le prove orali che prenderanno avvio il prossimo 7 aprile.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione