Concorso a cattedra, a precari storici 10% posti riservati. Bozza DEF

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Nel testo della Legge di Bilancio, nella bozza consegnata alla nostra redazione, troviamo un articolo che rivoluziona il sistema di reclutamento dei docenti. Vediamo alcuni passaggi.

Posti riservati ai precari storici

Tra le novità contenute nella bozza di Legge di Stabilità troviamo un provvedimento che riguarda i precari storici della scuola. Infatti, nel testo che affronta il rinnovo delle procedure concorsuali per i docenti non abilitati, vediamo la possibilità per color che abbiano svolto, nel corso degli otto anni scolastici precedenti l’avvio delle procedure concorsuali almeno tre annualità di servizio, anche non successive su posto comune o di sostegno, presso le istituzioni del sistema educativo di istruzione e formazione, di poter partecipare per un numero di posti riservati pari al 10%.

Si tratta di una applicazione che varrà soltanto in prima istanza, quindi una sola volta una tantum. Dal secondo concorso in poi non ci sarà più alcuna riserva.

Esenti da 24 CFU, chi?

Nel testo, inoltre, leggiamo che in prima applicazione, i predetti soggetti possono partecipare, altresì, alle procedure concorsuali senza aver conseguito i 24 CFU, per una tra le classi di concorso per le quali abbiano maturato un servizio di almeno un anno.

Versione stampabile
anief
soloformazione