Concorso 2018, USR Campania: ancora ritardi pubblicazione GMRE

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Sinergia Docenti – Nonostante le prove siano finite per alcune classi di concorso anche a metà Luglio, l’USR Campania inspiegabilmente non ha ancora provveduto a produrre le rispettive graduatorie.

Se non provvederà entro il 31 Agosto lo stato di precarietà continuerà per un altro anno intero. Questo ritardo coinvolge tantissimi altri colleghi del centro sud dove, per tante classi di concorso, le procedure concorsuali sono state aggregate in questa regione. In tantissimi casi le relative GM 2016 e Gae sono esaurite già da tempo. Appare chiaro che la responsabilità sia pertanto tutta in capo alla Campania, in quanto essa dovrà pubblicare le graduatorie distinte per le altre regioni meridionali. Ricordiamo che sia presidenti che commissari vengono retribuiti per svolgere questo compito e di certo non sono stati obbligati da nessuno, pertanto ora devono portare a termine il loro compito.

Molti di noi aspettano questo momento da anni e l’USR Campania dovrà dar conto a tutti coloro i quali hanno fatto sacrifici in questi anni. Nel resto del paese, li dove le prove sono terminate, hanno già provveduto a pubblicare le graduatorie.

Le questioni sollevate sono tristemente note da tempo. Anche le procedure concorsuali del 2016 furono afflitte dagli stessi problemi. Gli scarsi compensi riconosciuti ai commissari determinarono ripetuti stop & go delle commissioni esaminatrici. Le difficoltà nelle quali si trovano a lavorare i vari uffici scolastici, pesantemente sottodimensionati rispetto alle reali necessità, sono stati oggetto di molteplici sollecitazioni da parte di tutte le sigle sindacali. Per queste ragioni, notizie dell’ultima ora, l’ AT di Cosenza si è visto costretto a restituire alle Gae il contingente di posti riservato ai docenti abilitati

Per le ragioni elencate in questo articolo si terrà, a data da destinarsi, una manifestazione per rivendicare i diritti dei docenti coinvolti da tale provvedimento.
Seguirà un altro comunicato

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione