Concorso 2018, superamento procedura sostegno permette accesso anche a classe concorso

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Nella giornata di ieri, come abbiamo già riferito, si è svolto un incontro Miur-sindacati relativo alle modalità di acquisizione dei 24 CFU necessari, insieme alla laurea, per poter partecipare al nuovo concorso, secondo quanto previsto dal D.lgs. n. 59/2017.

24 CFU concorso a cattedra. Sindacati chiedono elenco degli enti non autorizzati ad erogare l’acquisizione e di quelli troppo costosi

Ricordiamo che il summenzionato decreto prevede che, per diventare docenti nella scuola secondaria di I e II grado è necessario:

  • essere in possesso della laurea più 24 CFU nelle discipline antro-psico-pedagogiche;
  • partecipare e superare il concorso;
  • frequentare e superare il percorso triennale di formazione e tirocinio (FIT).

La nuove disposizioni prevedono percorsi separati per docenti curricolari e di sostegno.

I requisiti richiesti agli aspiranti docenti di sostegno sono gli stessi di quelli richiesti per la partecipazione alla procedura per posti comuni, in relazione alla classe di concorso per cui il candidato presenta domanda di partecipazione.

Nell’incontro di ieri, l’amministrazione ha fornito un importante chiarimento in merito ai candidati che parteciperanno e supereranno il concorso per i posti di sostegno.

L’amministrazione ha chiarito che il superamento del concorso per i posti di sostegno è valido anche per la disciplina per la quale si è sostenuta la prima prova. Ciò significa che superando il concorso per il sostegno si ritiene superato anche quello per la classe di concorso di accesso.

Saranno poi i candidati, aggiungiamo noi, a scegliere se proseguire il percorso per posti comuni o di sostegno.

Reclutamento secondaria: 3 concorsi nel 2018, 24 CFU, FIT, insegnare nelle paritarie. Come funzioneranno immissioni in ruolo

Versione stampabile
anief
soloformazione