Concorso 2018 nel caos: mancano le commissioni. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

messaggio inviato dalla prof.ssa Chiara Balduini all’ispettore Bruschi – La situazione del TRANSITORIO È DRAMMATICA. Il fatto che alcune commissioni non riescano a formarsi sta creando caos ovunque.

Le porto il mio personale esempio. Abilitata in spagnolo, in seconda fascia in una regione, sto attendendo il transitorio in un’altra.

Fin qui nulla di strano, se non fosse che ho ricevuto almeno 50 convocazioni (se considero i  singoli istituti, ma le cattedre proposte all’interno di ciascuna scuola secondaria sono più di una, sic!) tra inglese, sostegno e spagnolo, quasi tutte al 31/08. Consideri che in inglese sono in terza fascia, in una posizione non certo privilegiata; ciò nonostante ho dovuto rifiutare diverse nomine poiché io, abilitata in spagnolo, venivo convocata per inglese o sostegno!!

Ora mi chiedo e Le chiedo: come si può bandire un concorso senza la GARANZIA che vi siano le commissioni esaminatrici?! Come si può bandire un concorso senza i soldi per pagare dignitosamente i commissari d’esame?! Come si può  bandire un concorso determinando nel frattempo la nomina di docenti non abilitati/specializzati e lasciando a casa coloro che invece possiedono le qualifiche adeguate?!

Vengo al punto, dottore…È possibile che lei ci dia una speranza per il futuro? Può, quantomeno, profilarci un’azione , pragmaticamente, che il MIUR intenda intraprendere per porre rimedio a un simile caos? La ringrazio in anticipo per la sua (sicuramente) sollecita risposta.”

Versione stampabile
anief
soloformazione