Concorso 2018, assunzioni FIT sino al 31/12: scelta ambito con decorrenza 2019/20. Posti accantonati

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Miur, con il DM n. 631/2018, ha prorogato al 31 dicembre prossimo il termine entro cui pubblicare le graduatorie (GMRE) del concorso 2018, al fine di essere utilizzate per l’ammissione al percorso annuale FIT a.s. 2018/19.

Concorso 2018, ammissione al FIT da graduatorie pubblicate entro il 31 dicembre. Il decreto del Miur

Assunzioni entro il 31 dicembre 2018

I docenti inseriti nelle GMRE, pubblicate entro il 31/12/18, possono essere ammessi al percorso annuale FIT entro la medesima data, fermo restando la disponibilità di posti non assegnati alle GaE e alle GM 2016.

Scelta ambito

I docenti individuati per l’assunzione, in ordine di punteggio e secondo i posti disponibili, scelgono l’ambito in cui svolgere il percorso annuale FIT (supplenza annuale, progetto d ricerca-azione, osservazione, portfolio professionale…).

La scelta dell’ambito ha decorrenza giuridica ed economica dall’anno scolastico 2019/2020.

Dal 1° settembre 2019, i docenti ammessi saranno titolari di un contratto di supplenza annuale sia economicamente che giuridicamente.

Accantonamento posti

I posti, facenti parte degli ambiti scelti dai docenti ammessi al FIT, sono accantonati, per cui non saranno disponibili per le operazioni di mobilità e immissione in ruolo per l’anno scolastico 2019/2020, in quanto destinati ai predetti docenti.

Conclusioni

Le assunzioni entro il 31 dicembre, ossia l’ammissione al percorso annuale FIT dalle GMRE pubblicate entro la predetta data, offrono la possibilità ai docenti interessati di scegliere l’ambito e indirettamente i posti in esso disponibili facenti parte del contingente per l’a.s. 2018/19.

La scelta dell’ambito, come detto sopra, produrrà i propri effetti giuridici ed economici a decorrere dall’a.s. 2019/20.

DM 631 del 25-09-2018

MIUR-42322.26-09-2018

Come si svolge anno FIT per docenti assunti da concorso 2018: osservazione in classe, portfolio, colloquio

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione