Concorso 2018 abilitati: docenti di ruolo con riserva ammessi alla procedura

Stampa

Questa l’anticipazione fornita dalla bozza del decreto, ancora da confermare. Ricordiamo che il concorso è riservato ai docenti in possesso di abilitazione e che sarà indetto solo per le classi di concorso curricolari e di sostegno della scuola secondaria.

In essa leggiamo “Non sono ammessi al concorso coloro che siano titolari di un contratto di lavoro a tempo indeterminato da docente presso le scuole statali. Sono ammessi con riserva i docenti che siano stati inseriti nelle graduatorie ad esaurimento in forza di provvedimenti giudiziari non definitivi alla data termine per la presentazione delle istanze di partecipazione al concorso di cui al presente decreto e che abbiano, per tale ragione, stipulato contratti di lavoro a tempo indeterminato soggetto a condizione risolutiva, purché in possesso del titolo di abilitazione o di specializzazione di cui al comma 1.”

Il riferimento non può che essere ai docenti abilitati con TFA e PAS che, in forza di alcuni ricorsi, hanno ottenuto l’inserimento nelle Graduatorie ad esaurimento ed ottenuto in alcuni casi anche l’immissione in ruolo con riserva, fino al merito della questione.

Il Miur con questa disposizione – se confermata – mitiga il divieto di partecipazione ai docenti di ruolo. Peccato che tale disposizione non fosse chiara durante l’estate 2017, quando i docenti interessati si sono ritrovati a dover prendere una decisione senza alcuna indicazione da parte del Ministero.

In generale però l’esclusione dei docenti di ruolo non mancherà di suscitare polemiche, dal momento che i percorsi formativi previsti dal Decreto Legislativo n. 59/2017 tardano ad arrivare. E certo non si potrà fare in tempo per la prossima mobilità 2018/19.

Concorso 2018 abilitati al via. Bozza decreto e tabella titoli: max 30 punti servizio, 15 dottorato, sostegno non valido per classe di concorso. Anticipazioni

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione