Concorso 2016, vincitori assunti anche dopo decadenza graduatorie

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Conavincos Coordinamento Nazionale Vincitori Concorso Scuola 2016 ricorda con un comunicato la normativa che garantisce l’assunzione a tempo indeterminato per i docenti risultati vincitori al concorso a cattedra 2016. 

Si ricordi a tal proposito il decreto legge 87 del 12 luglio 2018, (“Decreto Dignità”), convertito nella legge 96 del 9 agosto 2018.

Relativamente al reclutamento nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria, la suindicata legge, all’art. 4, comma 1-quater, cita testualmente “Il restante 50 per cento dei posti di docente vacanti e disponibili (oltre al 50% destinato alle GAE, n.d.r.), sia comuni, ivi compresi quelli di potenziamento, che di sostegno, la cui messa a concorso sia autorizzata ai
sensi dell’art. 39, comma 3-bis, della legge 27 dicembre 1997, n. 449, nella scuola dell’infanzia e in quella primaria è coperto annualmente mediante lo scorrimento delle graduatorie di merito delle seguenti procedure concorsuali, attribuendo priorità a quella di cui alla lettera a):
a) concorsi banditi nell’anno 2016 ai sensi dell’art. 1, comma 114, della legge 13 luglio 2015, n. 107, limitatamente a coloro che hanno raggiunto il punteggio minimo previsto dal bando, sino al termine di validità delle graduatorie medesime, fermo restando il diritto all’immissione in ruolo per i vincitori del concorso;

Come avverranno le assunzioni  a settembre 2019

Infanzia e primaria

Sulla base di quanto indicato dalla legge n. 96/2018, nei prossimi anni, le immissioni in ruolo avverranno:

  • il 50% dalle graduatorie ad esaurimento;
  • il 50% dalle graduatorie concorsuali.

Il 50% dei posti, destinato ai concorsi, sarà assegnato alle seguenti procedure:

  1.  con priorità al concorso 2016;
  2.  qualora residuino posti, al concorso straordinario e al nuovo concorso ordinario con quote del 50% ciascuno.

Considerato che il concorso ordinario non è stato ancora bandito e che le GM del concorso straordinario dovrebbe essere pubblicate (il condizionale è d’obbligo, considerata la lentezza di tutte le procedure concorsuali) entro il 30 luglio 2019, le immissioni in ruolo 2019/20 dovrebbero avvenire da:

  • 50% da GaE;
  • 50% da concorso:

– con priorità dalle GM 2016

–  se rimangono posti disponibili, dalle graduatorie del concorso straordinario, fermo restando che le  graduatorie vengano pubblicate in tempo utile.

Immissioni in ruolo scuola secondaria

Le immissioni in ruolo per la scuola secondaria avverranno:

  • il 50% da GaE (in molte regioni ormai esaurite);
  • il 50% da concorso:

– GM 2016

– GM 2018 in subordine.

Il comunicato Conavincos 2016

Versione stampabile
anief banner
soloformazione