Concorso 2016. Compensi commissari: soluzione in un emendamento al ddl Scuola e Università. Servono 3 milioni

Stampa

La questione relativa alla retribuzione dei commissari e presidenti delle commissioni giudicatrici del prossimo concorso a cattedra potrebbe trovare una soluzione, che prevede un aumento dei compensi previsti. 

La questione relativa alla retribuzione dei commissari e presidenti delle commissioni giudicatrici del prossimo concorso a cattedra potrebbe trovare una soluzione, che prevede un aumento dei compensi previsti. 

La riapertura dei termini, per la presentazione delle domande di partecipazioni in qualità di presidenti e commissari in 11 Regioni, e le conseguenti polemiche avevano spinto il Premier a sbilanciarsi in merito.

Così apprendiamo che è stato predisposto un emendamento, che dovrebbe arrivare in data odierna al Senato (come apprendiamo da ItaliaOggi) all'interno di una serie di modifiche al DDL di conversione in legge del decreto su Scuola e Università.

Il citato emendamento, che potrebbe essere a firma del Governo o della relatrice Puglisi,  dovrebbe portare a 3 milioni di euro i compensi previsti per commissari e presidenti. Di questi tre milioni due sono il frutto dei diritti di segreteria versati dai candidati.

Attendiamo fiduciosi tale provvedimento, al fine di riconoscere il giusto compenso per un compito di grande responsabilità e professionalità.

Tutto concorso
 

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata