Concorso 2016. Commissari, Gilda: esonero dalle lezioni per porre rimedio ai compensi da “fame”

Stampa

“Se il Governo intende davvero porre rimedio all'ingiusto trattamento economico previsto per i commissari del concorso, la smetta di tirare dritto per la sua cattiva strada e conceda almeno l'esonero dalle lezioni e dalle altre attivitàscolastiche”. E' quanto dichiara Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti. 

“Se il Governo intende davvero porre rimedio all'ingiusto trattamento economico previsto per i commissari del concorso, la smetta di tirare dritto per la sua cattiva strada e conceda almeno l'esonero dalle lezioni e dalle altre attivitàscolastiche”. E' quanto dichiara Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti. 

“Esaminare i candidati che aspirano alla cattedra è un compito di grande responsabilità ed è assurdo ricompensare questo delicato lavoro con la misera cifra di un euro l'ora e, per giunta, costringere i commissari a tour de force assurdi traattività didattica e commissioni.  Chi, diversamente dal presidente del Consiglio, vive e conosce bene la realtà dellascuola, sa quanto sia estenuante conciliare con l'insegnamento in classe le sessioni d'esame, che come stabilito dal calendario pubblicato oggi in GazzettaUfficiale si svolgeranno sia di mattina sia di pomeriggio per le prove scritte. Fare un doppio lavoro e ricevere un compenso da fame è lesivo della dignitàumana e professionale. Ci auguriamo – conclude Di Meglio – che la rassicurazione arrivata ieri da Renzi non sia la solita promessapropagandistica elargita a buon mercato”.

Roma, 12 aprile 2016

Ufficio stampa Gilda Insegnanti

Ester Trevisan 

Tutto sul concorso

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur