Concorso 2016, Anief: causa bocciature da ricercare al Miur non nella preparazione dei candidati

WhatsApp
Telegram

La stampa nazionale si sofferma sul dato che il 55,2% dei candidati al ruolo non è stato ritenuto all’altezza.Tanto basta per parlare di selezione dagli “esiti agghiaccianti”, di “somari in cattedra” e “insegnanti scadenti”. Si dà per scontato che decine di migliaia didocenti già abilitati all’insegnamento siano regrediti al punto da non meritare nemmeno l’idoneità col minimo. 

La stampa nazionale si sofferma sul dato che il 55,2% dei candidati al ruolo non è stato ritenuto all’altezza.Tanto basta per parlare di selezione dagli “esiti agghiaccianti”, di “somari in cattedra” e “insegnanti scadenti”. Si dà per scontato che decine di migliaia didocenti già abilitati all’insegnamento siano regrediti al punto da non meritare nemmeno l’idoneità col minimo. 

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): siamo al qualunquismo. Tanti di quei docenti, oggibocciati, hanno acquisito la loro abilitazione con le Ssis universitarie. Per accedervi, hanno superato dure selezioni, tenute da accademici anche sulla basedel loro voto di laurea. Sono stati scelti da supervisori, docenti di lungo corso – almeno 10 anni di ruolo, certificazioni di competenze di primo livelloed esperienze pregresse – che sono stati a loro volta selezionati attraverso un vero e proprio concorso per formatori, vivendo sulla loro pelle un percorso diaccesso che non ha precedenti. Gli abilitandi hanno dovuto frequentare corsi teorici, laboratoriali ed esperienze docimologiche, svolgere decine di esamiuniversitari, sottoporsi ad un lungo tirocinio nelle scuole, sviluppato una tesi finale davanti ad una commissione analoga a quelle dei concorsi pubblici.Ora, però, si prende per oro colato il giudizio espresso nel 2016 da commissioni, spesso improvvisate, su risposte a discutibilissimiquesiti.

Finalmente, anche la stampa nazionale si accorge che al concorso a cattedra le commissionistanno usando la mano pesante. “Tra i 71.448 candidati già esaminati agli «scritti» di 510 «procedure» – scrive il Corriere della Sera – solo 32.036 sono stati ammessi agli orali. Il 55,2%, infatti, non è stato ritenuto all’altezza. E “se andrà così anche nellegraduatorie in arrivo fuori tempo massimo (315 per un totale di 93.083 candidati, in larghissima parte per l’infanzia e la primaria) è probabile unbuco di circa 23 mila posti vacanti. Uno su tre”.

Fin qui, nulla di nuovo. L’Anief aveva stimato cifre non molto differenti già nella prima decade di agosto. Quello che stona, che fa intravedere tante ombre all’orizzonte, è, piuttosto, la chiave di lettura che si dà a questa selezioniaccentuate. Di fronte al dilemma “troppo selettive le prove o troppo impreparati i concorrenti?”, il primo quotidiano italiano sembra averecertezze: prendendo spunto da una ricerca della stampa specialistica, nella fattispecie realizzata da Tuttoscuola, il Corriere della Sera sottolinea comedal concorso emerga “una scarsa capacità di comunicazione scritta, in termini di pertinenza, chiarezza e sequenza logica e una carenza nell’elaborare untesto in modo organico e compiuto. Si ricava anche un campionario di risposte incomplete, errori e veri e propri strafalcioni, che sorprendono in maniera più acuta peril tipo di concorso in questione, ovvero una selezione tra chi si candida a insegnare alle nuove generazioni”.

Tanto basta per parlare di selezione dagli “esiti agghiaccianti”, di guardare, però, ilbicchiere mezzo pieno derivante da così tanti insegnanti fermati ad un passo dal ruolo, perché è meglio “un somaro in cattedra o un somaro a spasso?”, vistoche “non c’è un solo genitore disposto ad affidare il figlio a un insegnante scadente”. Si dà per scontato, quindi, che decine di migliaia di docenti giàabilitati all’insegnamento siano regrediti al punto di non meritare nemmeno l’idoneità con il minimo della votazione.

“Riteniamo certe conclusioni qualunquiste e formulate da chi probabilmente non conoscecome sono giunti 163mila candidati a questo concorso a cattedra”, ribatte Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal.“Perché tanti di quei docenti hanno acquisito la loro abilitazione con le Ssis universitarie. Per accedervi, hanno dovuto superare dure selezioni, tenute daprofessori accademici, anche sulla base del loro voto di laurea. A decidere il loro destino professionale, adatto o no per salire in cattedra, c’erano anchedei supervisori, dei docenti di lungo corso che dopo aver presentato un curriculum di tutto rispetto – almeno 10 anni di ruolo, certificazioni dicompetenze di primo livello ed esperienze pregresse – che sono stati a loro volta selezionati attraverso un vero e proprio concorso per formatori, vivendosulla loro pelle un percorso di accesso che non ha precedenti nella scuola pubblica italiana”.

“Sempre sotto il controllo di tali supervisori dalle competenze e conoscenze accertate– continua Pacifico – i corsisti Ssis, oggi bocciati e tacciati come ‘somari’, hanno dovuto frequentare corsi teorici, laboratoriali ed esperienzedocimologiche, svolgere decine di esami universitari. Si sono anche sottoposti ad un lungo tirocinio nelle scuole, affiancati da un docente esperto della loroclasse di concorso, hanno sviluppato una tesi finale, tenendo una discussione davanti ad una commissione universitaria analoga ad un concorso pubblico”.

“Ora, come se nulla di tutto ciò fosse accaduto, si prende per oro colato il giudizio espressonel 2016 da commissioni, spesso improvvisate, sulle risposte formulate in pochi minuti a discutibilissimi quesiti. Facendo passare gli abilitati Ssis perasini. Noi a questo gioco mediatico non ci stiamo e diciamo basta alla guerra tra commissioni. La corretta interpretazione di quanto sta accadendo è che il concorso a cattedra in corso di svolgimento è stata caratterizzato da continui problemi organizzativi ed errori clamorosi. Problemi, che hanno la matrice a Viale Trastevere, e che ora – conclude il sindacalista –vengono riversati su degli insegnanti che dopo essersi formati negli atenei e aver svolto per anni questo mestiere, vengono ricacciati indietro. E pureumiliati”.

23 agosto 2016                       
                                                 
Ufficio Stampa Anief
                                                     
www.anief.org

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur