Concorsi truccati Università, M5S: selezione nazionale per garantire trasparenza

“L’inchiesta che oggi avrebbe fatto emergere ben 27 concorsi truccati all’Università di Catania e in numerosi altri atenei del Paese conferma che esistono ancora ampie sacche di baronato e soggetti capaci di adattare le attuali norme sul reclutamento ai propri interessi personali.

Da qui la necessità di un ripensamento radicale del sistema, con un concorso nazionale come quello che ci accingiamo ad esaminare alla Camera. Alla questione della trasparenza dei concorsi ha dedicato fin da subito forte attenzione il nostro viceministro Lorenzo Fioramonti, che a breve porterà a termine la firma della convenzione tra il Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca e l’Autorità nazionale Anticorruzione per potenziare l’operatività dell’osservatorio sui concorsi universitari da lui fortemente voluto”. Lo affermano in una nota i deputati della commissione Cultura alla Camera Marco Bella, Alessandro Melicchio, Daniela Torto.

“Il MoVimento 5 Stelle sostiene da tempo che per tutelare le eccellenze del mondo accademico italiano e i tanti docenti e aspiranti tali che puntano esclusivamente sulle loro capacità, ci sia bisogno di introdurre procedure di reclutamento trasparenti in grado di assicurare che sia effettivamente ed esclusivamente il merito il criterio su cui si basano i concorsi universitari” concludono i deputati del Movimento 5 Stelle.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia