Concorsi straordinari abilitanti docenti Trento: sono tre in 3 anni scolastici. Ecco scadenze e prove. Bando

Stampa

E’ stato pubblicato il bando di concorso straordinario per titoli ed esami, a carattere abilitante, per l’accesso a posti di lavoro con contratto a tempo indeterminato del personale docente della scuola a carattere statale della provincia di Trento di cui abbiamo anticipato i contenuti i giorni scorsi.

Requisiti

Alla procedura concorsuale sono ammessi a partecipare i candidati in possesso dei seguenti requisiti:
A. essere docenti delle scuole secondarie di I e II grado che risultavano inclusi nelle graduatorie di istituto della Provincia Autonoma di Trento triennio scolastico 2017-2020, ed ulteriormente prorogate al 31 agosto 2021.

B. essere in possesso di abilitazione all’insegnamento

o in alternativa

del titolo di studio valido per l’accesso all’insegnamento congiunto ai 24 crediti formativi universitari (CFU) previsti dalla normativa vigente.

C. aver prestato, tra l’anno scolastico 2013/2014 e l’anno scolastico 2020/2021, almeno tre anni di servizio d’insegnamento nelle istituzioni scolastiche e formative provinciali o nelle istituzioni scolastiche paritarie del sistema educativo provinciale o nelle istituzioni scolastiche del sistema nazionale di istruzione.

D. Per il computo dei tre anni di servizio di insegnamento è considerato anche quello prestato nelle istituzioni formative paritarie del sistema educativo provinciale a partire dall’anno formativo 2014-2015.

E. Per chi partecipa per posti di sostegno, oltre ai requisiti di cui ai punti A-D, anche essere in possesso del diploma di specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità per i posti di sostegno per la scuola secondaria di primo e secondo grado.

Non possono partecipare:
1) i candidati già inseriti nelle graduatorie, per la medesima classe di concorso / sostegno, dei precedenti concorsi straordinari per titoli indetti con le deliberazioni della Giunta provinciale 25 maggio 2018, n. 879 e 19 ottobre 2018, n. 2037 e 27 marzo 2020 n. 411;

2) i candidati che hanno rinunciato all’assunzione a tempo indeterminato a seguito dello scorrimento delle graduatorie delle procedure concorsuali di cui al punto 1 o delle graduatorie provinciali per titoli per la medesima classe di concorso / sostegno;

3) i candidati che hanno rassegnato le dimissioni dal servizio dopo l’assunzione in ruolo avvenuta a seguito dello scorrimento delle graduatorie dei precedenti concorsi straordinari per titoli indetti con le deliberazioni della Giunta provinciale 25 maggio 2018, n. 879 e 19 ottobre 2018, n. 2037 e 27 marzo 2020 n. 411.

Modalità iscrizione

La domanda di partecipazione al concorso, a pena di esclusione, deve essere compilata e presentata con modalità telematica, collegandosi al portale tematico della scuola trentina www.vivoscuola.it nell’apposita area dedicata: “CONCORSI – Figura professionale: Docente della scuola a carattere provinciale”, seguendo le istruzioni per la compilazione fornite allo
stesso indirizzo, entro il termine di trenta giorni dal giorno successivo alla data di pubblicazione del bando sul Bollettino ufficiale della Regione Trentino-Alto Adige/Südtirol; se il termine per la presentazione della domanda scade nel giorno di sabato o festivo il termine è prorogato di diritto al primo giorno lavorativo successivo. Nel caso il candidato presenti più
domande nei termini stabiliti dal bando, l’Amministrazione considererà valida esclusivamente l’ultima domanda pervenuta in ordine di tempo per quella determinata classe di concorso/sostegno.

Prove

La prova d’esame potrà consistere, a scelta della commissione esaminatrice:
– in una lezione simulata;
oppure, in alternativa
– in una prova scritta.

Le commissioni assegnano alle prove un punteggio massimo complessivo di 50 punti. La prova non prevede un punteggio minimo per il suo superamento.

Lezione simulata

La lezione simulata è preceduta da un’illustrazione delle scelte contenutistiche, didattiche e metodologiche compiute e di esempi di utilizzo pratico delle tecnologie dell’informatica e della comunicazione. La lezione simulata avrà la durata massima complessiva di 30 minuti, fermi restando gli eventuali tempi aggiuntivi e gli ausili di cui all’articolo 20 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, ed è così articolata:

1.1. per massimo 20 minuti, di una lezione simulata preceduta da un’illustrazione delle scelte contenutistiche, didattiche e metodologiche compiute e di esempi di utilizzo pratico delle tecnologie dell’informatica e della comunicazione;

1.2. per massimo 10 minuti, da interlocuzioni con il candidato, da parte della Commissione, per l’approfondimento delle tematiche emerse nella sui contenuti della lezione.

Prova scritta

La prova scritta consisterà in quesiti a risposta aperta, ed avrà una durata massima di 120 minuti, fermi restando gli eventuali tempi aggiuntivi e gli ausili di cui all’articolo 20 della legge 5 febbraio 1992, n. 104.

La prova scritta prevede l’accertamento delle conoscenze delle discipline di insegnamento e ne valuta la padronanza, nonché l’accertamento delle capacità di progettazione didattica anche con riferimento alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione finalizzate al raggiungimento degli obiettivi previsti dagli ordinamenti didattici vigenti.

BANDO

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur