Concorsi secondaria, decreto scuola oggi alle 16 in Consiglio dei Ministri. [IL TESTO]

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Decreto scuola: oggi in Consiglio dei Ministri dovrebbe arrivare il via libera al provvedimento che disciplina concorso straordinario e ordinario per la scuola secondaria. 

Il testo, nell’ultima versione divulgata, presenta numerosi provvedimenti:

  • concorso straordinario secondaria
  • concorso ordinario da bandire contestualmente a quello ordinario
  • riforma concorsi Dirigenti Scolastici
  • revisione procedura per assunzione lavoratori appalti pulizie
  • proroga GM concorso 2016 e procedura per assunzione in altre regioni di concorso 2016  e 2018 nel 2020/21
  • esclusione dei Dirigenti Scolastici e del personale ATA dalla rilevazione delle impronte digitali
  • estensione del bonus merito ai docenti precari
  • concorso per Dirigenti tecnici

Risulta in dubbio se il testo conterrà un concorso riservato ai facenti funzione DSGA.

Scarica il testo – ultima versione

N.b. il testo da presentare in Consiglio dei Ministri potrebbe ancora subìre modifiche.

Il testo nasce dall’intesa stipulata con i sindacati il 1° ottobre e presenta misure straordinarie non solo per la scuola ma anche per Università, ricerca e AFAM.

Concorso straordinario scuola secondaria di I e II grado

Sono previsti 24.000 posti, da suddividere tra posto comune e sostegno.

Il concorso sarà bandito per le regioni, classi di concorso e tipologie di posti per le quali si prevede che vi siano, negli anni scolastici dal 2020/21 al 2022/23 posti vacanti e disponibili.

La graduatoria di merito che scaturirà dal concorso sarà comunque ad esaurimento e potrà essere utilizzata – secondo le norme previste per le assunzioni a tempo indeterminato – anche dopo l’a.s. 2022/23.

Requisiti

  • titolo di studio valido per l’accesso all’insegnamento
  • tre anni di servizio svolti tra l’a..s 2011/12 e l’a.s. 2018/19 nelle scuole statali secondarie su posto comune o di sostegno, di cui uno specifico per la classe di concorso richiesta.

Per la partecipazione al concorso per i posti di sostegno è necessario essere in possesso della relativa specializzazione.

Il servizio è considerato valido se prestato come insegnante di sostegno oppure in una classe di concorso.

Ciascun docente può partecipare in una sola regione e per una sola procedura (sostegno o posto comune).

Le prove e programmi

Preparati al concorso con il corso di Orizzonte Scuola per rientrare nei 24mila posti disponibili

Il concorso prevede

I docenti idonei che supereranno la prova scritta con 7/10 ma non rientreranno nei 24.000 posti potranno conseguire l’abilitazione:

  • se hanno una supplenza al 30 giugno o 31 agosto nelle scuole statali
  • conseguono i 24 CFu
  • Superano la prova orale selettiva

Preparati al concorso con il corso di Orizzonte Scuola per rientrare nei 24mila posti disponibili

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione