Concorsi scuola, Sinopoli (Flc Cgil): “Con i quiz sono stati sviliti. 24 cfu hanno mercificato la formazione. Serve cambiare” [INTERVISTA]

WhatsApp
Telegram

Il governo prova ad accelerare sui concorsi, entro la fine di dicembre è previsto un nuovo concorso straordinario, mentre almeno altri tre sono da realizzare. Di questo ne parliamo con Francesco Sinopoli, segretario generale della Flc Cgil. 

Potenziare e semplificare i concorsi sembrano gli slogan del ministro Bianchi. Eppure non siete contenti, cosa c’è che non va?

“Un primo problema riguarda la scelta dei quiz: i concorsi sono stati sviliti, non semplicemente semplificati. Pensiamo a un laureato in scienze della formazione primaria che ha studiato 5 anni per entrare nella scuola e ora si gioca il ruolo con il quiz! Un secondo problema investe la secondaria, dove non c’è formazione in ingresso professionalizzante rispetto alla didattica. Qui la soluzione che chiediamo sono percorsi abilitanti a regime, aperti con quote dedicate, sia ai neo laureati, che a i precari con 3 anni di servizio. Una volta abilitati possono entrare in ruolo. Questa estate grazie all’art. 59 del decreto sostegni bis sono stati assunti 12 mila docenti dalle GPS 1 fascia. Se noi abilitato e formiamo i docenti a quel punto l’assunzione diventa un percorso lineare, e si avrebbero in cattedra insegnanti molto più preparati all’insegnamento e a una scuola innovativa di quelli scelti coi quiz a risposta multipla”.

Siete d’accordo nell’eliminazione dei 24 cfu e, invece, per la riproposizione del Tfa?

“I 24 cfu hanno mercificato e svilito la formazione: da quando sono stati abolite le ssis e i tfa nella scuola secondaria non c’è stata più formazione in ingresso. Ben venga quindi l’avvio di nuovi percorsi di formazione, purche siano strutturati in modo organico e finanziati con risorse adeguate a garantire la qualità e l’accesso a chi si iscrive. I costi non possono essere scaricati su chi si forma: la formazione è un diritto, tanto per un precario quanto per un neo laureato”.

Concorsi docenti scuola 2021: chi partecipa, quali sono previsti entro dicembre

Concorso ordinario infanzia e primaria

Bandito con DD n. 498 del 28 aprile 2020, le domande di partecipazione sono state presentate entro il 31 luglio 2020.

Rispetto al bando iniziale il Decreto Sostegni bis del 25 maggio 2021 ha introdotto una semplificazione delle procedure, per cui dovrà esserci un nuovo decreto. Restano ferme invece le domande presentate, non sono previste nuove domande.

La procedura, sia per posti comuni che di sostegno si articolerà in:

  • un’unica prova scritta con più quesiti a risposta multipla, volti all’accertamento delle conoscenze e competenze del candidato sulla disciplina della classe di concorso o tipologia di posto per la quale partecipa, nonché sull’informatica e sulla lingua inglese. Non è prevista la pubblicazione anticipata quesiti;
  • una prova orale;
  • valutazione dei titoli;
  • formazione della graduatoria sulla base delle valutazioni della prova scritta, di quella orale e dei titoli, nel limite dei posti messi a concorso.

Concorso ordinario secondaria I e II grado

Bandito con  Decreto Ministeriale n. 201 del 20 aprile 2020,  le domande sono state presentate entro il 31 luglio 2020.

Secondo quanto più volte annunciato, dovrebbe partire entro dicembre

Concorso docenti, entro dicembre l’avvio dell’ordinario. L’annuncio del sottosegretario Floridia

La procedura, secondo quanto introdotto dal Decreto Sostegni bis prevede

  • una unica prova scritta con più quesiti a risposta multipla, volti all’accertamento delle conoscenze e
    competenze del candidato sulla disciplina della classe di concorso o tipologia di posto per la quale
    partecipa, nonché sull’informatica e sulla lingua inglese.

N.B. Non si dà luogo alla previa pubblicazione dei quesiti.  La prova è valutata al massimo 100 punti ed è superata da coloro che conseguono il punteggio minimo di 70 punti;

  •  prova orale;
  •  valutazione dei titoli;
  • formazione della graduatoria sulla base delle valutazioni di cui alle lettere a) b) e c), nel limite dei posti messi a concorso;

Si attende quindi la modifica del bando.

Corso di preparazione al concorso ordinario – Edizione 2021/2022

Concorso ordinario STEM

Durante l’estate è stato svolto il concorso per le classi di concorso A20 Fisica, A26 Matematica, A27 Matematica e fisica,  A28 matematica e Scienze, A41 Scienze e tecnologie informatiche. Hanno partecipato esclusivamente i docenti che, per quelle classi di concorso, avevano presentato domanda entro il 31 luglio 2020.

Al nuovo bando pertanto potranno partecipare anche docenti che nel frattempo possono vantare i titoli per la partecipazione. Concorso ordinario secondaria, riguarderà anche le classi di concorso STEM. Chi parteciperà, posti, utilizzo graduatorie

Concorso straordinario per l’abilitazione

Dopo mesi di silenzio sulla procedura indetta con DD n. 497 del 21 aprile 2020 il sottosegretario Floridia (M5S) ha comunicato di aver sollecitato il Ministero su questo punto.

Ma al momento “tutto tace”. Ecco chi parteciperà

Nuovo concorso straordinario per docenti con tre anni di servizio

Previsto entro il 31 dicembre sui posti residui dalle assunzioni effettuate in via ordinaria (da GaE e GM concorsuali) e straordinaria (da GPS prima fascia ed elenchi aggiuntivi), fatto salvo l’accantonamento dei posti destinati ai concorsi ordinari scuola dell’infanzia/primaria e secondaria, banditi rispettivamente con DD n. 498/2020 e DD n. 499/2020 ma non ancora espletati. Come individuare le classi di concorso

Si tratta di un concorso riservato ai docenti non ricompresi dalle immissioni in ruolo, che abbiano svolto un servizio di almeno “tre annualità anche non consecutive negli ultimi cinque anni scolastici nella scuoal statale“. Di questi tre anni, uno deve essere specifico.

Ci sarà una prova disciplinare per chi parteciperà al concorso. Prova che dovrà svolgersi entro il 31 dicembre 2021.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito