Concorsi scuola, si cambia. Bianchi: “Dal 2025 si torna alle domande aperte. Procedure annuali? Sistema per assumere almeno 70 mila docenti entro il 2024”

WhatsApp
Telegram

Nel corso dell’audizione del ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, al Senato, presso le Commissioni Affari Costituzionali e Istruzione, in merito alla riforma del reclutamento del personale docente, il decreto legge n. 36, si è parlato anche di concorsi.

I concorsi annuali sono una proposta venuta dal ministro della Pubblica amministrazione proprio per combattere il precariato“, ha spiegato il Ministro dell’Istruzione.

L’altro modo di fare i concorsi in realtà aveva aperto un numero di contenziosi proprio sulla non comparativi degli esiti delle commissioni“, ha proseguito Bianchi.

Se si riuscisse a trovare un sistema equilibrato io sono aperto – aggiunge il ministro dell’Istruzione. Anche su questo, il Parlamento è sovrano”.

Teniamo però insieme le compatibilità – precisa -. Come facciamo entro il 2024 per avere almeno 70 mila insegnanti e gestire dei concorsi che non blocchino il sistema educativo?“, si chiede Bianchi, che spiega cosa prevede il decreto 36.

Ci sarà una Commissione appositamente dedicata fornirà indicazioni precise sulla modalità di svolgimento dei concorsi, che rimarranno così – con test a crocette – fino alla fine del 2024. Dal 2025 torneremo alle domande aperte. Questo perché dobbiamo rispettare il vincolo europeo di assumere 70mila insegnanti con la nuova procedura d’urgenza. L’anno scorso abbiamo assunto 57mila insegnanti, quest’anno ne assumeremo altri 61mila e poi altri 70mila entro il 2024: una delle milestone per accedere ai fondi del Pnrr. Il modo fondamentale di poter procedere è fare percorsi e concorsi”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur