Concorsi scuola, servono competenze coding. Quando le acquisisce chi ha già i 24 CFU

di redazione

item-thumbnail

Decreto scuola: a poche settimane dalla pubblicazione dei bandi, i docenti sono disorientati dalle modifiche introdotte sul coding, le cui competenze rientrano nei 24 CFU per le discipline pedagogiche e metodologie didattiche.

Il Decreto scuola afferma

Nell’ambito delle metodologie e tecnologie didattiche di cui all’articolo 5, commi 1, lettera b), e 2, lettera b), del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 59, nonché nei corsi di laurea in scienze della formazione primaria, ovvero
nell’ambito del periodo di formazione e di prova del personale docente, sono acquisite le competenze relative alle metodologie e tecnologie della didattica digitale e della programmazione informatica (coding).

Questo significa che l’acquisizione delle competenze di coding riguarda tutti i docenti, sia di infanzia e primaria che secondaria.

Le competenze di coding possono essere acquisite

  • nell’ambito dei 24 CFU in discipline pedagogiche e metodologie didattiche
  • nell’ambito dei corsi di laurea in Scienze della formazione primaria
  • durante l’anno di prova e formazione

Pertanto i docenti che ad oggi sono sprovvisti delle relative competenze e hanno già acquisito i 24 CFU potranno comunque integrare la loro formazione nel corso dell’anno di prova, dopo l’immissione in ruolo

Non è stato specificato, ma probabilmente tali competenze rientreranno nei corsi che i docenti seguono durante l’anno di formazione. Rimane da capire come possa diventare una certificazione, al pari di quelle possedute nell’ambito dei 24 CFU.

Dal coding alla robotica, agli alunni con DSA, alla comunicazione in classe: 13 corsi con iscrizione e partecipazione gratuita

Versione stampabile

soloformazione