Concorsi scuola ordinari, Sasso (Lega): “Non ci sono i tempi tecnici. Stabilizzare i precari per titoli e servizi”

Stampa

Rossano Sasso, sottosegretario all’Istruzione, insiste con la sua idea di stabilizzazione dei precari che non potrebbe prevedere concorsi ordinari in virtù della tempistica.

La Lega non è contraria al concorso ordinario per gli insegnanti, ci mancherebbe. Semplicemente, in questa fase non ci sono i tempi tecnici per organizzarne uno in modo da coprire entro settembre gli oltre 200mila posti che saranno vacanti. Di conseguenza, sarebbe impossibile assicurare quella partenza regolare dell’anno scolastico tanto auspicata dal presidente del Consiglio, Mario Draghi. Ancora oggi 31 marzo, mi risulta che ci siano uffici scolastici in difficoltà nel reperire insegnanti“.

Lo scrive in un post su Facebook Rossano Sasso, sottosegretario all’Isruzione. “La nostra proposta è di stabilizzare gli insegnanti in base ai titoli e al servizio, vincolare questi docenti a un anno di formazione che accompagni l’attività quotidiana di insegnamento e poi, in ossequio all’obbligo costituzionale dell’assunzione per concorso nella Pubblica Amministrazione, sottoporli a una procedura finale di verifica– spiega Sasso- A chi ci attacca e mira alla divisione, rispondiamo con la forza delle nostre proposte concrete e con lo spirito di chi si e’ messo in gioco in un Governo di unità nazionale per offrire soluzioni al Paese“.

Precari, scontro M5S-Lega: pentastellati dicono no alle sanatorie, leghisti favorevoli alla stabilizzazione dei precari storici

Stampa

Il 28 maggio partecipa alla Tavola rotonda “Memoria e legalità. Giovani e scuola in cammino per non dimenticare”