Concorsi scuola, Granato M5S: conferma bandi entro 30 aprile. Da straordinario assunti dal 1° settembre anche se ruoli ritarderanno

Di Lalla

Concorsi scuola: oggi si è svolto l’incontro di maggioranza per fare il punto sul reclutamento docenti. Ne parliamo con la Sen. Bianca Laura Granato (M5S) della VII Commissione Istruzione.

Senatrice, i docenti precari attendono con trepidazione le decisioni che saranno assunte nei prossimi giorni. 

La Ministra ci ha rassicurati sull’ipotesi che i concorsi siano fattibili. Il bando può essere pubblicato entro il 30 aprile, ma le modalità saranno stabilite in base alla situazione contingente, legata all’andamento dell’emergenza sanitaria ancora in atto.

Il Ministero si farà carico della procedura e si intende indennizzare i docenti precari qualora, per la procedura del concorso straordinario per la secondaria non si facesse in tempo ad assumere entro il 1° settembre. In quel caso scatterebbe la retrodatazione giuridica della nomina proprio dal 1° settembre 2020.

Viene presa in considerazione l’ipotesi di una diversa modalità di svolgimento del concorso straordinario secondaria, per abbreviare i tempi?

Mettere in campo una diversa ipotesi comporta dei passaggi, dalle contrattazioni sindacali ai confronti politici e con le associazioni, si rischia comunque di non arrivare in tempo per il 1° settembre.

L’unico veicolo normativo utile sarebbe il Decreto scuola 8 aprile 2020, per il quale ci sono due mesi di tempo per l’approvazione, poi si dovrebbe mettere in moto tutta la macchina organizzativa, i tempi sarebbero comunque lunghi.

Per il concorso straordinario secondaria è solo una questione di tempi o una scelta politica?

Per noi del M5S siamo per attenerci alla linea tracciata con il DL 126/2019 e quindi per mantenere invariata la struttura dei concorsi.

La Ministra ha comunque dato disponibilità per ulteriori approfondimenti, per ulteriori proposte, per chiarimenti.

Noi del M5S siamo propensi a  mantenere quella procedura che crea una selezione minima.

Il CSPI, in riferimento alla procedura del concorso straordinario finalizzato all’abilitazione, ma il rilievo può essere esteso anche a quella per il ruolo, ha evidenziato che la prova risulta difficile per la vastità delle tematiche e dei contenuti proposti, e che il punteggio di 7/10 per il superamento potrebbe non essere adeguato.

Se la prova prevede un minuto a domanda, il quesito deve essere tarato perché possa essere svolta in un minuto. Questo dipende da chi preparerà i quesiti.

In ogni caso si tratta di quesiti a risposta multipla, il minuto si utilizza tutto per pensare la risposta, non c’è da scrivere.

Magari un questo può prendere 30 secondi, un altro un po’ di più.

A questo punto quindi i bandi possono essere pubblicati entro il 30 aprile?

Sì, per noi sì.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia