Concorsi scuola, finora solo fumo negli occhi per docenti che portano avanti il buon nome della scuola italiana

Stampa

Dichiarazione di Carmela Ella Bucalo, deputato di Fratelli d’Italia e vice responsabile del Laboratorio tematico Istruzione con delega alla scuola.

“Purtroppo quello che avevo paventato è accaduto – commenta la deputata –  il ministero a furia di cambiare cocchiere, ha perso la via maestra. Bussetti, Fioramonti e adesso la Azzolina, hanno impartito direttive talmente dissimili che oggi in Viale Trastevere, non c’è un orientamento ben preciso.”

“La rottura tra sindacati e amministrazione ministeriale sull’avvio del concorso a cattedra straordinario per assumere 24 mila docenti con almeno 3 anni di servizio, formalizzata ieri sera, ne è un fulgido esempio – prosegue la Bucalo –  Questo perché gli ultimi governi a trazione grillina, fin dal 24 aprile 2019, hanno cercato solamente provvedimenti tampone affrontando con superficialità e scarsa competenza, le delicatissime questioni riguardanti il mondo della scuola”

“Insomma – conclude la deputata di Fratelli d’Italia –  una disarmante approssimazione che si è tramutata in farsa, dopo il trionfalistico annuncio, fatto proprio in queste ore dal ministro Azzolina che, ha garantito entro febbraio, l’espletamento di tre concorsi.

Fumo negli occhi per migliaia di seri professionisti che fino ad oggi hanno contribuito a portare avanti il buon nome della scuola italiana”.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia