Concorsi per titoli, nuove graduatorie e assunzioni sostegno. Anief: si crea l’asse Pd, Leu, Autonomie e Lega

Stampa
sentenze

Anief – Sono scaduti i termini per presentare gli emendamenti e tra questi sembra che la maggioranza dei parlamentari sia d’accordo a soluzioni diverse dagli attuali concorsi per reclutare nuovi insegnanti, mentre il M5S chiede la riapertura delle graduatorie di istituto provinciali.

Intanto la petizione lanciata da Anief per estendere l’attuale doppio canale di reclutamento supera le 10 mila firme.

Non bastano, pertanto, le 62 mila immissioni in ruolo autorizzate dal Governo e i quattro bandi di concorso, pieni, peraltro, di diversi profili di illegittimità rilevati dall’ufficio legale del giovane sindacato. Non bastano perché coprono soltanto un terzo dei posti vacanti e poi escludono migliaia di insegnanti con la sola procedura straordinaria così pensata: docenti di sostegno senza specializzazione, di religione cattolica, delle scuole paritarie e dei percorsi regionali di formazione, delle scuole dell’infanzia e primaria. L’idea poi che in 80 minuti con qualche crocetta si possa misurare un merito non convince nessuno, né quella di svolgere il test in piena estate mentre è appena iniziata la fase 2 della pandemia. A pensarla così è ormai la stragrande maggioranza dell’asse parlamentare. E nei prossimi giorni in VII commissione Cultura, se tutti saranno coerenti, si potrebbe creare su alcune proposte una strana nuova maggioranza. Marcello Pacifico (Anief): “Sarebbe il giusto epilogo, visto che si tratterebbe anche di dare il giusto merito a dei precari che da tempo hanno dimostrato tutto il loro merito sul campo e che non meritano di essere obbligatoriamente sottoposti all’ennesima batteria di prove concorsuali”.

 

Pur di non procedere all’assunzione attraverso la valutazione dei titoli dei precari, di non trasformare le liste d’istituto in provinciali, poi da utilizzare per le immissioni in ruolo, e di tenere bloccate le immissioni in ruolo sul sostegno, il Governo si sta sempre più isolando. A chiedere questo genere di selezione è l’opposizione, a partire dal primo partito quale è la Lega. Il suo leader, Matteo Salvini, ha detto: “Invece di fare nuovi concorsi e smuovere migliaia di persone, suggeriamo alla ministra Azzolina di stabilizzare i precari che sono migliaia e mettere in cattedra chi insegna già da anni: mi sembra una scelta di buon senso”.

Ma nell’ultimo giorno utile per la presentazione di emendamenti al Decreto Legge n. 22, sono stati anche i raggruppamenti politici della maggioranza a pensarla in questo modo: il Partito democratico, LeU e Autonomie del Senato, che hanno depositato degli emendamenti specifici per modificare la procedura di reclutamento dei docenti precari stabilito dalla ministra Azzolina.

Secondo i parlamentari, “alla luce dell’emergenza sanitaria in atto, bisogna prevedere necessariamente un percorso per titoli e prova finale che assicuri la stabilizzazione dei precari e la partenza a pieno organico del prossimo anno scolastico il 1 settembre”. Pd, Leu e Autonomie chiedono al ministro Azzolina, con un emendamento al Dl scuola, di portare la platea delle assunzioni dalle 24mila previste fino a 40mila. Altri importanti emendamenti, affermano, sono previsti sulla stabilizzazione insegnanti di sostegno e sulla riapertura delle graduatorie.

Anief accoglie positivamente le richieste formulate, a partire dalle tre analoghe a quelle formulate nei giorni scorsi dallo stesso giovane sindacato alla VII commissione di Palazzo Madama, attraverso 30 emendamenti: nel dettaglio, i gruppi politici hanno chiesto di assumere per titoli, che corrisponde alla richiesta dell’Anief di avviare il concorso, sempre per titoli, rivolto a docenti e a tutto il personale scolastico che ha svolto almeno 24 mesi di servizio da precario; Pd, Leu e Autonomie hanno quindi chiesto di aggiornare le graduatorie d’istituto, altra richiesta formulata dall’organizzazione sindacale autonoma; come l’intenzione di stabilizzare gli insegnanti di sostegno, la quale non può realizzarsi se non si spostano oltre 50 mila posti in deroga nell’organico di diritto, anche questo rivendicata dall’Anief.

Anziché attuare questi tre provvedimenti, basilari per il buon andamento della scuola e il regolare avvio del prossimo anno scolastico, il Governo ha sinora preferito puntare solo sui concorsi. Ma in politica si può sempre cambiare idea e in democrazia, bisogna rispettare i numeri. E se questi ci sono, lo si scoprirà la prossima settimana in VII Commissione cultura del Senato. Nel frattempo, sui bandi di concorso si sta già abbattendo una montagna di ricorsi.

Stampa