Concorsi ordinari e revisione decreto salva-precari, lo stato dell’arte. Cosa farà Fioramonti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Le prossime misure annunciate dal Ministro: concorsi ordinari e decreto salva-precari.

Prossime misure

Il  Ministro Fioramonti ha già annunciato le prossime misure che intende attuare:

  • revisione e pubblicazione decreto salva-precari;
  • concorso ordinario per la scuola secondaria;
  • concorso ordinario per la scuola dell’infanzia e primaria.

Vediamo lo stato dell’arte delle succitate misure.

Concorso ordinario infanzia e primaria

Ricordiamo che è stato già pubblicato il decreto, che disciplina il concorso, e i relativi allegati.  Concorso infanzia e primaria: requisiti, posti, prove. Tutte le info

Vediamo quando il neo Ministro lo bandirà.

Concorso ordinario secondaria

Il concorso ordinario previsto dal D.lgs 59/2017, come modificato dalla legge di bilancio 2019, doveva essere bandito entro il mese di luglio.

Non è stato ancora pubblicato il DM che lo disciplinerà. Attendiamo di sapere quando verrà avviata la macchina che porterà al bando.

Ricordiamo che il nuovo reclutamento delineato dal succitato decreto 59/2017 si articola in:

  • concorso;
  • assunzione in ruolo;
  • percorso annuale di formazione e prova
  • conferma in ruolo, previo superamento del predetto percorso.

Requisiti concorso

Per accedere ai posti comuni (le classi di concorso a cui dà accesso la propria laurea) bisogna essere in possesso di uno dei seguenti titoli:

  • abilitazione specifica sulla classe di concorso oppure
  • laurea (magistrale o a ciclo unico, oppure diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, oppure titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso) e 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche. Controlla classi di concorso a cui puoi accedere con la tua laurea  oppure
  • abilitazione per altra classe di concorso o per altro grado di istruzione, fermo restando il possesso del titolo di accesso alla classe di concorso ai sensi della normativa vigente oppure
  • laurea più tre annualità di servizio (anche non continuativo, su posto comune o di sostegno, nel corso degli otto anni scolastici precedenti, entro il termine di presentazione delle istanze di partecipazione. Tale requisito è previsto soltanto in prima applicazione; gli aspiranti che ne sono in possesso potranno partecipare al concorso per una delle classi per le quali hanno un anno di servizio).

Per i posti di insegnante tecnico-pratico (ITP) il requisito richiesto sino al 2024/25 è:

  • il diploma di accesso alle classi di concorso della scuola secondaria superiore (tabella B del DPR 19/2016 modificato dal Decreto n. 259/2017).

Per i posti di sostegno: 

Requisiti già indicati per i posti comuni oppure quelli per i posti di ITP più il titolo di specializzazione su sostegno.

PAS e concorso straordinario

Il decreto che disciplina PAS e concordo straordinario per i docenti della scuola secondaria, come detto sopra, sarà modificato dal Ministro.

Di seguito i requisiti previsti dal decreto allo stato attuale per il concorso straordinario e per il PAS.

Possono accedere al concorso straordinario i docenti in possesso dei requisiti di seguito riportati:

  • tre anni di servizio nelle scuole secondarie statali negli ultimi otto anni (dal 2011/12 al 2018/19), in una classe di concorso non ad esaurimento (comprese tra quelle di cui al DPR 19/2016, come modificato dal DM 259/17);
  • uno dei tre anni di servizio deve essere specifico, ossia prestato nella classe di concorso per la quale si partecipa alla procedura

Possono accedere al PAS i docenti in possesso del seguente requisito:

  • tre anni di servizio negli ultimi otto (dal 2011/12 al 2018/19) nelle scuole secondarie statali, paritarie e nei centri di formazione professionale relativamente ai corsi per l’obbligo scolastico.

dottori di ricerca accedono invece in virtù del titolo, senza servizio.

Il servizio, dunque, deve essere prestato nella scuola secondaria.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione