Concorsi DSGA, perché non sono stati ancora pubblicati i due bandi?

WhatsApp
Telegram

Pubblicati i bandi dei concorsi per docenti di scuola dell’infanzia e primaria e secondaria di primo e secondo grado; pubblicato anche il bando di concorso per dirigenti scolastici. Non ancora pubblicati invece i bandi per DSGA. Due quelli attesi, uno ordinario e uno riservato. Perché questa attesa? I regolamenti sono noti di entrambe le procedure attese.

Due concorsi DSGA

Concorso ordinario

Il regolamento è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 3 ottobre 2022. Oltre un anno fa quindi, ma il bando che definirà le date per le domande, i posti, il calendario delle prove non c’è.

I requisiti:

Sono ammessi a partecipare coloro che sono in possesso della cittadinanza italiana, o di uno degli Stati membri dell’Unione europea, oppure cittadinanza di uno Stato diverso da quelli appartenenti all’Unione europea, qualora ricorrano le condizioni di cui all’articolo 38 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, in possesso dei diplomi di laurea, delle lauree specialistiche e delle lauree magistrali di cui all’allegato A, ovvero di analoghi titoli conseguiti all’estero considerati equipollenti o equivalenti ai sensi della normativa vigente.

Prove

Il concorso si articola nella prova scritta, nella prova orale e nella successiva valutazione dei titoli.

La prova scritta si svolge presso sedi decentrate e mediante il supporto di strumentazione informatica. Prova scritta di 60 quesiti in 120 minuti, cosa studiare

La valutazione dei titoli viene effettuata a seguito dell’espletamento della prova orale, con esclusivo riferimento ai candidati che abbiano superato la predetta prova e sulla base delle dichiarazioni degli
stessi, rese nella domanda di partecipazione, e della documentazione prodotta.

L’ALLEGATO A

Tabella titoli valutabili

Programma di Studio

Concorso riservato ai facenti funzione

E poi c’è il secondo bando, quello riservato ai facenti funzione, gli amministrativi che coprono i posti vacanti. Il concorso è stato previsto dal Milleproroghe, Legge n. 14 del 24 febbraio 2023 di Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 dicembre 2022, n. 198, recante disposizioni urgenti in materia di termini legislativi. Il concorso si sarebbe dovuto svolgere nel 2023.

Anche per questo concorso si conosce il regolamento.

I requisiti:

  • specifico titolo di studio valido per l’accesso all’area dei DSGA (vedi tabelle sopra)
  • aver svolto servizio come DSGA facente funzione per almeno tre anni interi scolastici a partire dal 2011/12.

La procedura si articola in una prova scritta e nella valutazione dei titoli. In totale 100 punti: 60 per la prova scritta, 40 per la valutazione dei titoli. Superano la prova scritta i candidati che ottengono almeno 36 punti.

La prova scritta:

Nel 2023 zero immissioni in ruolo

Non ci sono candidati nelle graduatorie concorsuali e così per l’anno scolastico 2023-24, nonostante le oltre 2.500 disponibilità, non sono state effettuate immissioni in ruolo. 938 sono le disponibilità future contenute nelle tabelle relative alle immissioni in ruolo 2023-24. Ciò mostra l’urgenza di espletare le procedure concorsuali.

Perché l’attesa?

Probabilmente l’attesa è legata alla firma definitiva del Ccnl 2019-21 che contiene novità per i DSGA. Ne avevamo parlato in DSGA, novità titolo di accesso: sarà sufficiente la laurea triennale. Bandi dei concorsi attesi potrebbero subire modifiche

La firma del Ccnl è attesa a breve, forse entro gennaio.

WhatsApp
Telegram

Prova orale concorso docenti secondaria 1° e 2° grado: come affrontarla in maniera efficace. III edizione, con esempi e UdA