Concorsi docenti, ci saranno ancora le prove a crocette. Bianchi: “Sono prove oggettive. Lo ha deciso il Governo. Mi assumo la responsabilità”

WhatsApp
Telegram

“Mi assumo io tutte le mie responsabilità. La verità è che questo governo, con un decreto, che abbiamo votato tutti, ha deciso di usare per i concorsi strumenti computer-based, che vuol dire oggettività, vuol togliere tutte le discrezionalità da parte delle commissioni”.

Lo ha affermato il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi intervenuto a SkyTg24 in riferimento agli ultimi concorsi a crocette organizzati dal ministero dell’Istruzione.

Ora abbiamo fatto una commissione di esperti di valutazione per andare ad una formula che non siano le crocette ma comunque oggettivi – spiega il Ministro –  che ci permetta di fare concorsi su base annuale, e ci permetta anche di dare certezza e garanzia a tutti. Quindi, io mi assumo tutte le mie responsabilità“.

E’ una scelta di questo governo, è una scelta però indirizzata ad avere risultati oggettivi, risultati che possano essre compatibili con i concorsi annuali. Perchè l’accumulo di precari è dato proprio dall’irregolarità ani, dall’aver trascinato nel tempo i concorsi“, conclude Bianchi.

Per essere precisi, in base a quanto si legge sul testo approvato dal Governo, le prove dei prossimi concorsi facenti parte del nuovo reclutamento insegnanti, vedranno il sostenimento e superamento di una unica prova scritta con più quesiti a risposta multipla o strutturata, volti all’accertamento delle conoscenze e competenze del candidato sulla disciplina della classe di concorso o tipologia di posto per la quale partecipa, nonché sulle metodologie e le tecniche anche della didattica disciplinare, sull’informatica e sulla lingua inglese.

Ciò significa che in effetti l’impianto appena approvato da Bianchi, prevede l’adozione di una prova scritta computer based a risposta multipla o in alternativa una prova strutturata. Su quest’ultima, ovviamente, non abbiamo ancora contezza in quanto è presente in questo testo solo tale riferimento.

Eppure lo stesso Ministro Patrizio Bianchi, poche settimane fa, aveva in qualche modo allontanato l’ipotesi di proseguire con le prove a crocette, esprimendo un giudizio negativo su quanto sta accadendo con il concorso ordinario secondaria: “E’ un concorso che noi abbiamo ereditato dal passato, con una modalità di organizzazione anche delle prove che si è dimostrata non adeguata”, “noi poi andremo verso concorsi annuali“, ha detto Patrizio Bianchi a proposito delle prove del concorso, sottolineando che “questo era l’ultimo passaggio di una storia precedente – aggiunge sul concorso che ha sollevato molte polemiche, definito dai sindacati una specie di terno al lotto – che ha dimostrato tutti i limiti, non c’è nessun dubbio“.

Come fatto intendere dall’intervento odierno, probabilmente, le prossime prove computer based saranno diverse da quelle attuali, puntando molto evidentemente sulla commissione di esperti per la valutazione spiegata in precedenza.

TESTO APPROVATO DAL GOVERNO (PDF)

Il testo deve ancora essere pubblicato in gazzetta Ufficiale poi partirà l’iter in Parlamento e le eventuali modifiche.

Riforma reclutamento, Bianchi: “Non è un percorso a ostacoli, ma un percorso formativo chiarissimo. Concorsi annuali, 70mila docenti in più entro il 2024”

WhatsApp
Telegram

Perché scegliere il Corso di Preparazione al Concorso per Dirigente scolastico di Eurosofia?