Concorsi docenti, Anief: chi è idoneo vada nelle graduatorie di merito, altrimenti ci penserà il giudice

WhatsApp
Telegram

“Nel Paese dove più imperversa il precariato scolastico, con 200mila supplenze annuali l’anno, e dove i presidi sono costretti a coprire i posti vacanti con le Mad e sui social media, come si fa a continuare ad escludere dalle graduatorie di merito tutti quelli che sono stati reputati idonei al termine dei concorsi pubblici per docenti?”.

A chiederlo è Marcello Pacifico, presidente del sindacato della scuola Anief, commentando l’avvenuta ammissione dei candidati del concorso primaria a partecipare alle suppletive degli orali se in quarantena o malati: “Finalmente è stata accolta la nostra richiesta. Ora però apriamo agli idonei alla professione, permettendo loro di essere anche immessi in ruolo qualora i vincitori siano esauriti”.

“C’è un paradosso in un Paese che cerca insegnanti – ha ribadito Pacifico durante un’intervista all’agenzia Teleborsa – perché abbiamo degli insegnanti che sono stati individuati come idonei negli ultimi concorsi, pensiamo ad esempio al concorso Stem o al concorso che si sta svolgendo ora con le prove orali per l’infanzia e la primaria, ma chi supera la prova non viene inserito nella graduatoria finale di merito e non può essere assunto nei ruoli”.

Secondo Pacifico, “è un dramma che esiste solo in questo paese” e andrebbe cambiata la norma.

Certo, “Anief è sempre riuscita a far reclutare gli idonei dei concorsi, dal 2012 ad oggi, ma oggi per la prima volta rimarrebbero bloccati quelli che hanno aderito all’ultimo concorso, quello per materie Stem, e poi i nuovi che usciranno dal nuovo concorso. Ribadiamo al Ministro la necessità che gli idonei siano inseriti nelle graduatorie di merito e vengano assunti nei ruoli”, conclude il presidente del giovane sindacato.

Anief ricorda che sono ancora aperti i ricorsi per includere gli idonei dei concorsi per docente nelle graduatorie di merito e quindi utili per le immissioni in ruolo: per informazioni cliccare qui.

WhatsApp
Telegram