I concorsi costano e il Ministero vuole personale preparato. Ecco perchè chi non supera le prove perde un turno

di Lalla
ipsef

Lalla – Precisiamo che tale previsione è contenuta nella bozza del decreto sui futuri concorsi inviata dal Ministero al CNPI e che pertanto non interessa lo svolgimento dell’attuale concorso DDG n. 82 del 24 settembre 2012. Chi non supera questo concorso parteciperà al prossimo, ma le regole cambieranno.

Lalla – Precisiamo che tale previsione è contenuta nella bozza del decreto sui futuri concorsi inviata dal Ministero al CNPI e che pertanto non interessa lo svolgimento dell’attuale concorso DDG n. 82 del 24 settembre 2012. Chi non supera questo concorso parteciperà al prossimo, ma le regole cambieranno.

La bozza presenta infatti presenta all’art. 3 la disposizione "Il mancato superamento di una procedura concorsuale non consente la partecipazione a quella indetta nel biennio successivo per lo stesso posto o classe di concorso."

Per mancato superamento si intende il superamento delle varie prove e il conseguente accesso alla valutazione dei titoli. La disposizione vuole "evitare all’amministrazione l’inutile gravame anche economico, di soggetti che si presentino alle prove senza adeguata preparazione, stante, a maggior ragione, la stabilita periodicità delle medesime, in analogia con quanto già previsto per le abilitazioni scientifiche all’insegnamento universitario."

Ricordiamo che tale norma non è applicabile al concorso in svolgimento, ma riguarderà unicamente i concorsi che saranno attivati in base alla nuova normativa.

Il Ministero ha chiesto al CNPI di esprimere il proprio parere entro il 20 dicembre 2012

Ministero invia al CNPI schema di decreto per i concorsi futuri. Chi viene bocciato salta un turno

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare