Concorsi con selezione assicurano ai bambini maestre preparate, studenti SFP in presidio

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il 13 luglio  gli studenti di Scienze della Formazione Primaria Nuovo Ordinamento degli atenei lombardi, con il patrocinio del Coordinamento Nazionale di Scienze della Formazione Primaria Nuovo Ordinamento, ha organizzato un presidio presso la  sede RAI di Milano  di via Riva Villasanta.

Per i  40.000 maestri-studenti precari italiani  – scrivono gli studenti in un comunicato – è giunto il momento di far sentire la propria voce, che va ad unirsi a quella dei maestri laureati, dei vincitori del concorso 2016 e dei residuali GaE a pieno titolo, creando un coro di  115.000 maestri precari della scuola , laureati e diplomati,  confutando  l’ assurda idea di una guerra tra diplomati e laureati, la cosiddetta “guerra tra poveri”.

Secondo gli studenti del corso di laurea in SFP la lotta al precariato debba affiancarsi ad una  lotta alla mediocrit“concorsi a cadenza biennale  possono garantire a tutti i precari maggiori opportunità di giungere alla stabilizzazione, ma la selettività è l’unico modo per assicurare maestri effettivamente preparati ai nostri bambini, ai nostri figli, al futuro del nostro Paese. “

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione