Concorsi 2018: per abilitati procedura 2016. Per non abilitati 3 anni di servizio nelle paritarie per entrare in sovrannumero. Esclusi docenti ruolo

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Si è svolto ieri l’incontro tra i sindacati e l’Amministrazione per fare il punto sui concorsi 2018.

Il primo ad essere bandito, come previsto dal Decreto Legislativo n. 59/2017, sarà quello riservato ai docenti in possesso di abilitazione.

Il decreto – comunica la UIL – ad avviso dell’amministrazione, riprenderà l’impianto dell’ultima procedura di reclutamento del 2016. Il concorso potrebbe essere bandito anche prima della scadenza definita per legge (entro febbraio 2018).

Esclusi i docenti di ruolo.

La Uil tra l’altro ha posto poi il problema dei docenti già di ruolo nelle scuole dell’infanzia, primaria o in altri ruoli ed in possesso del titolo di studio specifico per l’insegnamento nelle scuole secondarie.

Sempre sul reclutamento, la Uil ha detto no ad un doppio sistema, uno riservato a tutti gli aspiranti che devono necessariamente superare un concorso, l’altro ai docenti con tre anni di servizio nelle scuole paritarie che vengono ammessi ai corsi di specializzazione in soprannumero e senza concorso. Questo aspetto della delega non è condivisibile e la UIL si riserva di valutare una eventuale impugnativa.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione