Con la malattia vengono accreditati i contributi figurativi utili alla pensione

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

L’indennità di malattia è coperta da contributi figurativi? Bisogna fare domanda di accredito? Analizziamo le ultime disposizioni in materia.

Oltre al servizio militare, l’indennità di malattia è coperta da contributi figurativi?

L’indennità di malattia è coperta dai contributi figurativi, per i lavoratori dipendenti e sono validi per la pensione. Vengono riconosciuti dall’ente previdenziali e accreditati come contribuzione figurativa, non bisogna fare nessun versamento e nessuna domanda, vengono accreditati automaticamente dal 2013.

Contributi figurativi utili per la pensione

I contributi figurativi per malattia ed infortunio,  sono utili per conseguire le seguenti prestazioni:

  • diritto a tutte le pensioni, escluso il requisito di 35 anni (1820 contributi) per la pensione di anzianità;
  • per la misura di tutte le pensioni;
  • se retribuiti, per il raggiungimento delle 78 giornate richieste ai fini della disoccupazione con requisiti ridotti.

Non sono utili per il diritto alla prosecuzione volontaria e all’indennità di disoccupazione (periodo neutro).

L’ente previdenziale accredita come contribuzione figurativa tutti i periodi di temporanea inabilità al lavoro dovuti a:

  • malattia indennizzata;
  • malattia tempestivamente accertata;
  • malattia professionale;
  • malattia non indennizzata per essersi verificata in periodi non lavorati;
  • malattia che non dà luogo ad indennizzo (es.: malattia per lavoro domestico);
  • infortunio sul lavoro.

Non sono, invece, accreditabili i periodi di malattia e infortunio di durata inferiore ai 7 giorni.

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile
Argomenti: