“Con la Dad perso un anno, una scuola a distanza non è possibile”. Mamma medico scrive a Mattarella

Stampa

“Con la dad abbiamo perso un anno, una scuola a distanza non è possibile. In accordo con il mio datore di lavoro e mettendo la mia bambina in una situazione di non rischio, ho dovuto portarla con me”.

Così Benedetta Valli all’AGI, mamma e medico di Arezzo che ha scritto una lettera al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per sottolineare le difficoltà di essere madre e professionista del mondo sanitario, e che oggi deve fare i conti con la didattica a distanza.

Poi aggiunge: “Mi rifiuto di lasciarla ai nonni che proteggiamo da oltre un anno. Gli altri due figli sono a casa. Io ho provato a fare turni diversi, ma per il ruolo che ricopro non e’ stato possibile e non ho nessuna intenzione di rinunciare alla mia carriera”.

 

Stampa

Il 28 maggio partecipa alla Tavola rotonda “Memoria e legalità. Giovani e scuola in cammino per non dimenticare”