Con il Bonus merito ho acquistato una stampante 3D per i miei studenti

Stampa

Pare che il tentativo da parte del Governo, di fare la “Buona Scuola” abbia influenzato realmente alcuni docenti della Scuola Pubblica a tal punto che hanno preferito devolvere il loro, esiguo, “bonus di merito” alla scuola di appartenenza con l’acquisto di materiali e strumenti, con il solo scopo di migliorare la loro didattica.

È il caso del prof. Mauro Musso, docente di Grafica Pubblicitaria, presso l’Istituto Professionale “Gaetano Salvemini “ di Palermo, che si è reso conto delle difficoltà occupazionali nel suo territorio ed ha portato un po’ d’innovazione tecnologica nella sua didattica con la Grafica 3D e la stampa 3D.

Infatti, all’inizio di quest’anno scolastico ha fatto acquistare una stampante 3D, modello “Prusa i3”, per introdurla nel suo curriculo, realizzando un piccolo laboratorio e come era nelle sue previsioni, dopo una breve presentazione e qualche lezione base sul funzionamento della stampante, è riuscito a stimolare la curiosità dei suoi alunni, che hanno subito captato la portata innovativa delle intenzioni del prof ed hanno subito iniziato a scaricare template per provare a stampare gli oggetti con il PLA, che è un poliestere termoplastico ottenuto a partire dal mais, prodotto in un filamento avvolto in bobina, che per effetto della elevata temperatura dell’augello si scioglie e da forma all’oggetto desiderato per stratificazione.

L’entusiasmo dei suoi alunni lo ha contagiato, a tal punto, che ha pensato bene di acquistare, a sue spese, un’altra stampante in kit di montaggio, che i suoi alunni sono stati in grado di montare seguendo i tutorial su internet. Si, perché il costo della stampante era equivalente alla somma percepita del “bonus”.

Gli alunni hanno ben accettato e compreso l’intento del prof e si sono subito attrezzati, scaricandosi softwares free di grafica 3D, per imparare a realizzare i volumi di base e loro combinazioni, riuscendo a realizzare un portachiavi, come gadget da regalare ai visitatori, in vista delle attività di Open Day che l’Istituto ha programmato a cavallo delle festività natalizie. Il successo è stato immediato e già sono arrivate molte richieste per la realizzazione di oggettini di vario genere. Chissà, forse alcuni dei suoi alunni hanno già trovato uno sbocco professionale e non si sono ancora diplomati!

Inviaci la tua esperienza [email protected]

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!