Con i 500 euro pagherò l’avvocato che mi aiuti a ricongiungermi alla mia famiglia. Lettera

WhatsApp
Telegram

Carissimi presidente del consiglio e ministro della (D)istruzione,  è una povera, stanca, snervata, delusa, maestra di scuola primaria che vi scrive.

Ridotta in povertà da uno stato che privilegia i più meritevoli sulla base del niente, anzi no, sulla base delle belle, bellissime parole, colme di niente.

Una Maestra che ha scelto comunque di mandar avanti con dignità questa missione solo per il bene dei suoi protagonisti di cui ormai nessuno nemmeno parla più, talmente si è presi dall’euforia della difesa delle loro competenze, della loro individualità, unicità, diversità, bla bla bla. Di chi stavamo parlando? Ah dei bambini!

Vi scrivo, esimi, perché ci avete onorato della vostra salvifica beneficenza di ben 500€!Come se il nostro ghiotto stipendio che a malapena ci consente di arrivare al fine settimana, non fosse già abbastanza! Finalmente con una cifra del genere potrò dar sfogo alla mia autoformazione e diventare una professionista migliore, rendicontando tutto agli esercenti che avete scelto voi per noi, ma che gentili!

Però un’altra grazia ce l’avete accordata: chi ha speso la consistente cifra dal 1 settembre al 30 novembre di questo anno, potrà autocertificarne la spesa e rendicontare alla vecchia maniera. Così ho ben pensato di allegar una fattura un po’ irriverente: la parcella del mio avvocato, servita a pagare il ricorso contro la mia buona scuola che ancora una volta mi ha negato uno dei diritti più altisonanti della mia bella costituzione che adesso vi ostinate a voler cambiare, il diritto alla mia famiglia. La famiglia dalla quale mi avete strappato ingiustamente 8 anni fa e alla quale ingiustamente un vostro errato algoritmo, che questo anno aveva assicurato finalmente felicità e giustizia, ha scelto di non farmi ricongiungere.

Spero che non rigettiate la mia certificazione e mi onoriate della vostra benevolenza ancora una volta.

Con profonda stima.

Una serva della gleba

Maria Serena Taormina

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur