Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Con 25 anni di contributi posso andare in pensione a 62 anni?

Stampa

Non sempre è possibile anticipare la pensione, soprattutto si i contributi versati non sono moltissimi.

Per anticipare la pensione è necessario aver versato un buon numero di anni di contributi. In caso contrario l’unica via per il pensionamento è quella di vecchiaia, a meno che non si ricada nel sistema contributivo puro. Esaminiamo il caso della nostra lettrice che ci chiede:

Buongiorno  Io ho 60 anni e sto nella scuola dell infanzia dal 2007 Ho 25 anni di contributi tra scuola comunale e dipendente azienda privata Potrei essere  andare in pensione a 62 anni ?Grazie

Pensione con 25 anni di contributi

Con soli 25 anni di contributi non è semplicissimo andare in pensione a 62 anni. Nella maggior parte dei casi, infatti, sarà necessario attendere di compiere i 67 anni poichè l’anticipo pensionistico richiede almeno 30 anni di contributi con l’Ape sociale, 38 anni di contributi con quota 100 e oltre 41 anni di contributi con quota 41 e pensione anticipata ordinaria.

Esistono, però, due misure che consentono il pensionamento anticipata anche con soli 20 anni di contributi ma in presenza di altri requisiti ben specifici.

Per chi ha iniziato a lavorare dal 1996 o può effettuare il computo in Gestione Separata, vi è la possibilità di accedere alla pensione anticipata con almeno 20 anni di contributi versati tutti nel sistema contributivo puro al compimento dei 64 anni a patto che l’assegno di pensione spettante abbia un importo pari o superiore a 2,8 volte l’assegno sociale INPS (si parla, quindi, di una pensione mensile di almeno 1280 euro).

L’altra alternativa è rappresentata dalla RITA che permette l’accesso ai lavoratori che sono ancora in servizio, in presenza di 20 anni di contributi e al compimento dei 62 anni, a patto che siano titolari di un fondo previdenziale complementare in cui siano stati versati almeno 5 anni di contributi. Si tratta di una pensione, quindi, non erogata dall’INPS ma dal fondo pensione a cui il dipendente ha aderito, che con una rendita mensile accompagna alla pensione di vecchiaia. La rendita è finanziata dal capitale versato nel fondo pensione.

Nel suo caso, quindi, a meno che non rientri in una delle misure che le ho descritto possibilità di anticipo non ce n’è e dovrà attendere il compimento dei 67 anni per richiedere la pensione di vecchiaia.

 

 

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur