Comunicato UCIIM su Lega Nord e scuola

di Lalla
ipsef

Ufficio Stampa UCIIM (Associazione Professionale Cattolica di insegnanti, dirigenti, formatori) – Il bonus di 40 punti per i docenti previsto dall’emendamento presentato dall’On. Paola Goisis della Lega al “Decreto sviluppo”, si pone come uno steccato a protezione dall’invasione dei docenti del Sud. Facciamo fatica a capire come la “sospirata” meritocrazia possa coniugarsi con bonus dati a pioggia. Comprendiamo, viceversa, che non era un’interpretazione forzata, operata da giornalisti in cerca di scoop, la richiesta di “test di valutazione per accertare che i titoli acquisiti dai docenti meridionali fossero meritati”.

Ufficio Stampa UCIIM (Associazione Professionale Cattolica di insegnanti, dirigenti, formatori) – Il bonus di 40 punti per i docenti previsto dall’emendamento presentato dall’On. Paola Goisis della Lega al “Decreto sviluppo”, si pone come uno steccato a protezione dall’invasione dei docenti del Sud. Facciamo fatica a capire come la “sospirata” meritocrazia possa coniugarsi con bonus dati a pioggia. Comprendiamo, viceversa, che non era un’interpretazione forzata, operata da giornalisti in cerca di scoop, la richiesta di “test di valutazione per accertare che i titoli acquisiti dai docenti meridionali fossero meritati”.

Come associazione di docenti e dirigenti cattolici riteniamo ingiusta la proposta, vi invitiamo a fermarvi perché sembra tesa essenzialmente a cercare consensi politici, che portano verso spaccature, incomprensioni, separazioni improduttive e dannose.

La scuola italiana e per essa i docenti hanno fortemente contribuito all’unità d’Italia, al progresso, alla costruzione di una nazione una e unica.

L’Uciim fa appello ai docenti, agli alunni, alle famiglie dell’Italia “INTERA” perché facciano sentire la loro voce e il loro dissenso.

Il Consiglio di Presidenza nazionale UCIIM

Versione stampabile
anief
soloformazione