Compiti per l’estate, “vedete l’alba al mare e fotografate conchiglie”

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Si tratta di consigli dati da una maestra della scuola primaria ai propri studenti come compiti per le vacanze estive.

La maestra ha detto loro, riferisce il quotidiano “Il Messaggero”: «Cari bambini quest’estate sdraiatevi su un prato e guardate il cielo stellato», «imparate a riconoscere almeno due costellazioni», «vedete l’alba al mare», «fotografate conchiglie sulla spiaggia» e «visitate un posto mai visto prima». E ancora: «Respirate a pieni polmoni in mezzo a un bosco», «arrampicatevi sopra un albero» e «imparate a riconoscere almeno dieci specie diverse tra alberi, piante e fiori»

La polemica sui compiti per le vacanze

Una questione quella dei compiti che è stata anche attenzionata dal Ministro.

Su Radio 1, qualche giorno fa, il Ministro Bussetti ha lanciato una richiesta ai docenti: “meno compiti, ma più mirati e i ragazzi si godano le meritate vacanze”.

Consiglio che, pare, essere arrivato forte e chiaro a questa maestra.

Una scelta che sembrerebbe supportata anche da una ricerca scientifica.

Infatti, i bambini che prendono i voti più alti a scuola sarebbero quelli che hanno meno compiti a casa e neanche tutti i giorni. E’ quanto si deduce da un’indagine internazionale sugli apprendimenti in Lettura dei bambini di quarta elementare (il Pirls 2016)

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione