Compiti per le vacanze, un’altra preside dice no: “Le vacanze di Natale dovrebbero essere un tempo per esplorare il mondo, non per essere imprigionati dai compiti”

WhatsApp
Telegram

La questione dei compiti assegnati agli studenti durante le vacanze scolastiche continua ad essere fonte di dibattito. Da un lato, alcuni docenti sostengono l’assegnazione di compiti durante le vacanze, mentre altri si oppongono. Quest’ultima fazione, sostenuta da una dirigente scolastica di Torino, raccomanda di non assegnare compiti.

La dirigente sottolinea il bisogno degli studenti di riposarsi per affrontare il nuovo anno con vigorosa energia. “Le vacanze di Natale dovrebbero essere un tempo per esplorare il mondo, non per essere imprigionati dai compiti,” afferma.

La circolare nvita i docenti a permettere agli studenti di esplorare luoghi, tradizioni e storie familiari, piuttosto che sovraccaricarli con compiti scolastici. La dirigente sottolinea che gli studenti più bravi non necessitano di compiti extra e quelli con difficoltà tendono ad evitarli o a cercare aiuto esterno, spesso all’ultimo minuto.

Come riportato da La Stampa, altri dirigenti scolastici condividono questa visione. Una dirigente scolastica conferma: “La pausa invernale deve essere un momento di svago. È importante mantenere un equilibrio psicofisico durante le feste, senza il peso dei compiti.”

Mentre per le vacanze estive si suggerisce di mantenere un certo livello di studio per non perdere le competenze acquisite, per le vacanze invernali si raccomanda un approccio più rilassato. Un’altra dirigente afferma che durante le vacanze invernali, l’obiettivo principale dovrebbe essere il riposo e il divertimento, senza trascurare completamente il ripasso dei contenuti acquisiti.

Leggi anche

Compiti per le vacanze, i genitori: “Siano dedicati allo svago, in due settimane non si perde la memoria di quanto fatto”

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024, ecco le date per lo scritto: 6 LIVE per superarlo. Prezzo sconto 59 euro. Guarda il calendario