Compiti per le vacanze natalizie. Uno studente su 4 non li ha fatti

Stampa

Gli studenti sono rientrati a scuola, ma circa 1 su 4, senza aver svolto neanche un compito. È quanto emerge da un sondaggio di Skuola.net che ha intervistato circa 1.700 studenti di Medie e Superiori.

Soltanto il 17% degli intervistati ha detto di averli svolti tutti; 1 su 4, invece, afferma di averne completato comunque la maggioranza. Il 13% ha raggiunto a malapena la metà, mentre un buon 16% ammette di essersi fermato a un quarto del totale.

Il 34% degli studenti del tecnico dice di non aver aperto libro, mentre nel secondo si sale fino a quota 41%.
Il 58% degli studenti confessa di aver aperto il diario solo con il nuovo anno. Il 27%, invece, ha lasciato trascorrere Natale prima di pensare ai compiti per le vacanze. Solo il 15% quelli che, in controtendenza, si sono portati avanti iniziando appena finite le lezioni Anche qui gli studenti delle Medie si distinguono, quasi 1 su 4 avrebbe cominciato a smaltire il carico di compiti già prima di Natale.

Chi si è impegnato a fare i compiti spesso ha ricevuto un aiuto o una consulenza innocente dai compagni di classe e dagli amici (il 15%) o dalle infinite vie della Rete (sono il 22% quelli che hanno usato Internet come alleato per svolgere i compiti a casa). Solo alle Medie si chiede ancora aiuto ai genitori. Altri hanno copiato.

Solo il 2% degli studenti non si è visto assegnare neanche un tema, un ripasso, un libro da leggere. Da mesi è partita sul web una crociata contro i compiti pomeridiani che vede i genitori in prima linea contro i professori che caricano i ragazzi di esercizi da svolgere a casa; a maggior ragione non sono esenti da accuse quelli per i periodi di vacanza.

Il gruppo Facebook “Basta Compiti” – tra i più attivi online – ha anche pubblicato una bozza di giustificazione che i genitori possono compilare per assumersi la responsabilità di non aver fatto svolgere i compiti assegnati dai prof, richiamando proprio la Carta delle Nazioni Unite e in particolare l’articolo 31, laddove si dice che debbano essere riconosciuti a bambini e ragazzi il diritto “al riposo e al tempo libero, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative [] e a partecipare liberamente alla vita culturale e artistica” e
“all’organizzazione, in condizioni di uguaglianza, di mezzi appropriati di divertimento e di attività ricreative, artistichee culturali”.
L’organizzazione ha poi raccolto, durante la pausa natalizia, le foto dei diari degli studenti caricati di compiti con l’intento annunciato di presentare il “faldone” al Miur.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur