Compiti per casa, dirigente invia circolare agli studenti: tenere conto del tempo libero degli alunni

Stampa

E’ uno dei consigli che Valeria Mendola, dirigente dell’Istituto comprensivo statale “Giuseppe Verdi” di Palermo ha inviato ai propri docenti per uniformare le modalità di scelta e assegnazione dei compiti agli studenti.

La circolare, ricordando principi enunciati dai pedagosgisti, chiede che l’assegnazione dei compiti segua una linea ispiratrice. Ecco quali sono i criteri suggeriti:

I compiti devono essere adeguati all’età;

  1. sono esercitazioni riguardanti argomenti già affrontati in classe (ad eccezione della didattica capovolta che segue un preciso protocollo);
  2. devono seguire un criterio di proporzionalità rispetto a ciò che si è fatto in classe (il maggior impegno deve essere in classe);
  3. non devono eccedere l’autonomia dell’alunno (cioè l’alunno deve essere già in grado di svolgerli da solo);
  4. devono tenere conto degli “spazi bianchi”, cioè del tempo libero degli alunni;
  5. devono essere significativi (“pochi ma buoni” preferendo la qualità alla quantità).

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia