Compiti per le vacanze, copiati e fatti in fretta. Meglio non assegnarli?

di redazione
ipsef

red – Il 45% di coppia, tre su quattro giudicano eccessivo il carico di lavoro e il 60% li fa gli ultimi giorni prima di rientrare. È quanto emerge da un sondaggio svolto da skuola.net sui compiti delle vacanze di Natale.

red – Il 45% di coppia, tre su quattro giudicano eccessivo il carico di lavoro e il 60% li fa gli ultimi giorni prima di rientrare. È quanto emerge da un sondaggio svolto da skuola.net sui compiti delle vacanze di Natale.

Il sondaggio è stato condotto su un campione di 890 ragazzi tra gli 11 e i 19 anni, dei quali il 65% erano femmine e il 35% maschi. Il risultato è disarmante: l’8% va a scuola con i compiti completamente copiati, mentre 37% ne ha copiato soltanto una parte.

Non sono mancati gli interventi degli esperti, come Giuseppe Bertagna che, in una dichiarazione rilasciata a skuola.net, ha affermato che i compiti per le vacanze "servono più per espiazione per disciplinamento, insomma per far capire chi comanda, che per apprendimento".

Rusconi, vicepresidente dell’ANP, è intervenuto nel dibattito sostenendo che "per i ragazzi delle scuole elementari e medie i compiti delle vacanze sono superflui" ritiene molto più utile, invece, leggere libri articoli di giornale. Mentre per gli studenti delle superiori "è utile fare degli esercizi di matematica, latino greco, invase la scuola si frequenta." "Un compito per i genitori invece c’è – conclude Rusconi – potrebbero sfruttare il periodo di vacanza per portare i ragazzi in giro per musei e chiese e, soprattutto, per invogliarli alla lettura".

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione