Competenze e sbocchi professionali del corso Costruzioni, Ambiente e Territorio (ex Geometri): in allegato un regolamento per la gestione dell’aula CAT

WhatsApp
Telegram

Con la riforma, l’indirizzo tecnico per Geometri ha cambiato nome mantenendo, da un lato, inalterate le strutture portanti del suo collaudato impianto tecnico disciplinare, è dall’altro, è pronto ad affrontare le nuove e pressanti sfide del mondo contemporaneo e a garantire ai propri studenti un sicuro sbocco professionale ed una adeguata preparazione universitaria.

Gli sbocchi professionali del diplomato nell’indirizzo “Costruzioni, Ambiente e Territorio”

A conclusione del percorso quinquennale, il diplomato nell’indirizzo “Costruzioni, Ambiente e Territorio” sarà in grado di:

  • Selezionare i materiali da costruzione in rapporto al loro impiego e alle modalità di lavorazione.
  • Rilevare il territorio, le aree libere e i manufatti, scegliendo le metodologie e le strumentazioni più adeguate ed elaborare i dati ottenuti.
  • Applicare le metodologie della progettazione, valutazione e realizzazione di costruzioni e manufatti di modeste entità, in zone non sismiche, intervenendo anche nelle problematiche connesse al risparmio energetico nell’edilizia.
  • Utilizzare gli strumenti idonei per la restituzione grafica di progetti e di rilievi.
  • Tutelare, salvaguardare e valorizzare le risorse del territorio e dell’ambiente.
  • Redigere operazioni di estimo in ambito privato e pubblico, limitatamente all’edilizia e al territorio.
  • Gestire la manutenzione ordinaria e l’esercizio di organismi edilizi.
  • Organizzare e condurre i cantieri mobili nel rispetto delle normative sulla sicurezza.

Alcuni indirizzi specifici

Alcune scuole, molto all’avanguardia, come l’Istituto di Istruzione Superiore “Santoni” di Pisa (che ha all’attivo una poliedricità di indirizzi: agraria agroalimentare agroindustria, chimica, materiali e biotecnologie, costruzioni, ambiente e territorio, sistema moda, servizi socio -sanitari, servizi per la sanità e l’assistenza sociale, corso operatore del benessere), diretto, con grande competenza e abilità manageriali, dal Dirigente Scolastico Prof. Maurizio Berni, hanno attivato alcune opzioni di indirizzo, come, per l’appunto, quello della “Tecnologia del legno nelle costruzioni“. A conclusione del percorso quinquennale il diplomato nell’indirizzo CAT Legno, oltre alle competenze e agli sbocchi del corso base in Costruzioni Ambiente e Territorio, avrà:

  • competenze relative all’impiego del legno strutturale nelle costruzioni, conoscenze specifiche dei materiali e nel campo della bioarchitettura
  • conoscenze di nuove tecniche costruttive; strategie connesse al risparmio energetico ed alla progettazione di edifici NZEB
  • capacità di progetto e di rappresentazione grafica delle strutture in legno e dei dettagli costruttivi
  • conoscenze relative all’utilizzo del legno nel recupero del patrimonio edilizio.

Alcuni particolari potenziamenti disciplinari

È previsto inoltre il potenziamento di alcune attività, già attivate per il corso CAT ordinario:

  • percorsi di formazione presso aziende del settore a livello internazionale
  • incontri con esperti e rappresentanti di aziende del settore in affiancamento ai docenti per gli aspetti tecnico-economici
  • visite frequenti, ai vari stadi di realizzazione, di cantieri di strutture in legno
  • e attività di esperienza pratica in cantieri didattici.

Regolamento per l’utilizzo dell’aula tecnica CAT

Alcuni istituti hanno provveduto a dotarsi di strumenti regolamentari, ottimamente concepiti, per l’utilizzo dell’aula tecnica CAT. Un esempio ci è fornito dall’istituto di Istruzione Superiore “Lorenzo Guetti” di Tione di Trento diretto con grande competenza e spiccate qualità manageriali dal Dott. Alessandro Fabris. Il regolamento ricorda che:

  • l’utilizzo dell’aula è consentito esclusivamente per fini didattici, con priorità ai docenti delle discipline tecniche;
  • l’orario settimanale di utilizzo viene formulato, dopo la stesura dell’orario definitivo delle lezioni, dal Responsabile dell’aula, o da un suo incaricato, sulla base delle indicazioni espresse dai singoli docenti, dell’orario delle lezioni e della necessità di assicurare a tutte le classi l’accesso settimanale all’aula. L’orario di utilizzo è visibile tramite Registro elettronico;
  • se il docente non dovesse utilizzare l’aula, è tenuto, col massimo anticipo possibile, a disdire la prenotazione per permettere l’utilizzo agli altri docenti;
  • nelle ore non calendarizzate o disdette la prenotazione da parte dei docenti deve essere effettuata tramite Registro elettronico;
  • nell’aula non è permesso accedere in assenza del docente o di specifica autorizzazione da parte del Dirigente scolastico o del Responsabile dell’aula.

Un modo molto semplice per rendere più funzionale un’aula davvero rilevante per il corso di studio.

Regolamento aula tecnica CAT

WhatsApp
Telegram

Adempimenti dei Dirigenti scolastici per l’avvio del nuovo anno scolastico: scarica o acquista il nuovo numero della rivista per Dirigenti, vicepresidi, collaboratori del DS e figure di staff