Competenze è diventata la parola magica della didattica, ma senza conoscenze non si arriva da nessuna parte. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Mario Bocola – Le competenze hanno fatto le scarpe alle conoscenze? Cosa è più importante: le conoscenze o le competenze? Applicare le competenze presuppone, tuttavia, le conoscenze?

È vero che le conoscenze non servono più? Occorre valorizzarle più delle competenze perché nella nuova frontiera della didattica si sta enfatizzando troppo la competenza perdendo di vista l’importanza della conoscenza?

Si parla troppo di competenza e questa espressione è diventata nella scuola la “parola magica” o meglio “l’universalismo didattico”, il gotha della sapienza su cui ruota il nuovo modo di insegnare.

La didattica delle competenze privilegia il contatto diretto con la realtà, quello che viene definito il compito di realtà. L’alunno sviluppa questo compito di realtà attraverso il senso pratico di tutto ciò che lo circonda partendo dall’informazione, proseguendo per la conoscenza, per poi arrivare all’abilità che si deve tradurre in competenza. Con questo approccio eccessivamente aderente alla realtà, sembra far sminuire il concetto di conoscenza. La competenza deve essere il risultato complessivo di una serie di apprendimenti e l’apprendimento si costruisce attraverso il sapere. La didattica delle competenze non deve far perdere l’orizzonte primario e basilare della conoscenza, del sapere che deve essere l’asse portante per sviluppare una competenza, senza la quale l’una non può esistere senza l’altra.

Ci deve essere, quindi, un rapporto di complementarietà tra la conoscenza e la competenza, permeato dal compito di realtà. Se l’alunno deve eseguire un compito di realtà e al termine del percorso deve essere in grado di sviluppare una competenza è fondamentale che sappia, che conosca, che abbia i prerequisiti per giungere alla quella data competenza. La didattica delle competenze, attraverso il compito di realtà non deve prescindere dalla conoscenza e soprattutto sminuire il valore del sapere, in virtù del fatto che l’alunno sa fare anche se non conosce il procedimento. Quindi il rebus della scuola italiana: le competenze o le conoscenze?

Versione stampabile
anief anief
voglioinsegnare