Compensi esame di stato 2011, tutti liquidati?

di Lalla
ipsef

Lalla – Il punto interrogativo lo aggiungo io, perchè il ministero è certo che sono stati disposti tutti i trasferimenti alle scuole a saldo di quanto dovuto per il pagamento degli esami di stato. In effetti i ritardi sono delle scuole, quelle virtuose sono state in grado di liquidare i compensi già nel mese di agosto (come dovuto), altre hanno caricato i dati previsti solo a settembre, pertanto c’è da attendere ancora.

Lalla – Il punto interrogativo lo aggiungo io, perchè il ministero è certo che sono stati disposti tutti i trasferimenti alle scuole a saldo di quanto dovuto per il pagamento degli esami di stato. In effetti i ritardi sono delle scuole, quelle virtuose sono state in grado di liquidare i compensi già nel mese di agosto (come dovuto), altre hanno caricato i dati previsti solo a settembre, pertanto c’è da attendere ancora.

L’interrogazione è dell’On. Rosa de Pasquale e risale a luglio, quando, durante le prove orali degli Esami di Stato, si vociferava di un possibile slittamento dei pagamenti addirittura a dicembre, a causa della nuova procedura secondo la quale le competenze accessorie vengono ormai liquidate nel cedolino dello stipendio mensile.

La risposta del Ministero: "la suddetta Direzione generale ha riferito che tutte le istituzioni scolastiche, alla fine del mese di giugno 2011, hanno ricevuto il completamento dell’acconto destinato ai compensi per lo svolgimento degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio della scuola secondaria di secondo grado. Inoltre, alla fine del mese di luglio, a seguito di una specifica rilevazione effettuata al fine di quantificare l’effettivo fabbisogno per la copertura della spesa delle commissioni d’esame in argomento, sono stati disposti tutti i trasferimenti alle scuole a saldo di quanto dovuto per il pagamento delle competenze accessorie ai sensi dell’articolo 2, comma 197, della legge n. 191 del 2009 (finanziaria per il 2010), che ha introdotto la procedura del così detto «cedolino unico»."

Ad onor del vero, già il 7 luglio il Ministero aveva emanato una nota con le indicazioni necessarie alle scuole per districarsi nella nuova procedura.

Ma tant’è, non tutti i docenti hanno ancora ricevuto il compenso. Ci auguriamo che il prossimo anno, la procedura, ormai rodata, possa funzionare meglio.

Versione stampabile
anief
soloformazione