Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Commissario interno agli esami che deve partecipare ad un concorso: ecco perché può fruire del permesso dedicato

WhatsApp WhatsApp

Al dipendente è consentito partecipare come candidato a concorsi o ad esami. Il diritto permane se il docente è impegnato nelle commissioni di maturità?

Michela scrive

Sono membro interno di greco per le mie due quinte al prossimo esame di maturità. In data 25 giugno però dovrei sostenere la prova scritta di un concorso universitario. È possibile che la commissione organizzi i lavori in modo da permettermi di partecipare?  Cordialmente 

Permesso per concorso o esami

L’art 15 del CCNL 2006-09 dispone che il dipendente della scuola con contratto di lavoro a tempo indeterminato, ha diritto, sulla base di idonea documentazione anche autocertificata a gg. 8 complessivi per anno scolastico, ivi compresi quelli eventualmente richiesti per il viaggio, per la partecipazione a concorsi od esami.

Il permesso è un diritto indisponibile

Così come chiarito anche dall’ARAN, la norma contrattuale non pone alcuna condizione o vincolo in merito alla tipologia di concorsi o esami, che possono legittimare la concessione del permesso.

Pertanto, qualora il dipendente abbia la necessità di partecipare ad un concorso pubblico o ad esami, può richiedere il permesso, presentando la relativa documentazione al fine di giustificarne la richiesta e la conseguente fruizione.

In tali casi, l’amministrazione è tenuta a concederlo, non potendo esercitare alcuna discrezionalità al riguardo, anche qualora sussistano specifiche esigenze di servizio. Infatti, tale tipologia di permesso si configura, per il lavoratore, come un diritto da esercitarsi al verificarsi dei presupposti giustificativi.

Conclusione

La norma contrattuale stabilisce dunque il diritto al permesso e la durata, quest’ultima non solo  limitata ai giorni di svolgimento delle prove includendo, così, la possibilità di ricomprendere anche i giorni di viaggio.

Pertanto, la commissione dovrà tenere in considerazione tale possibilità (la quale ovviamente sarà da te posta già al momento dell’insediamento della plenaria) in quanto il permesso non potrà in nessun caso essere negato. Nei casi poi contemplati dalla norma si può anche procedere alla sostituzione come indicato al seguente link

 

WhatsApp WhatsApp
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.
Per le istituzioni scolastiche. Consulenza specifica e risposta garantita. Gratuitamente [email protected]

Docenti neoassunti, formazione su didattica digitale integrata. Scegli il corso ideato da Eurosofia per acquisire le nuove, indispensabili competenze