Comitato Priorità alla scuola di nuovo in piazza contro Linee guida ministeriali

Stampa

Di nuovo in piazza a protestare. Questa volta sarà contro i governanti territoriali.

Il movimento di genitori e insegnanti “Priorità alla scuola” vuole chiedere conto a loro sul perché abbiano accettato le linee guida del ministero dell’Istruzione a fronte di cambiamenti irrilevanti.

La protesta come quella già organizzata il 23 maggio e il 25 giugno si svolgerà domani in contemporanea in 60 città di dieci regioni.

Come si legge sul quotidiano Il Manifesto, i rappresentanti territoriali del movimento pongono tutti la stessa questione: senza spazi, senza docenti da assumere stabilmente e senza risorse come si fa a ritornare in classe in sicurezza?

C’è poi il rispetto del protocollo sanitario. Fare test e tamponi una sola volta appare assai insufficiente. Neanche è chiaro quale possa essere la procedura da adottare se si dovesse riscontrare un caso di positività nel corso dell’anno.

Stampa

Il nuovo modello di PEI, Eurosofia avvia un nuovo percorso formativo. Primo incontro il 28 aprile